URZI’ A SOSTEGNO DEL POLO DI BRUNICO

0
33

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato stampa di Alessandro Urzì, consigliere provinciale in Alto Adige.

Nei giorni scorsi ho incontrato una foltissima delegazione del Polo di Brunico, nel corso di uno scambio di opinioni in vista del prossimo rinnovo del Consiglio comunale del capoluogo pusterese.

Ho inteso rinnovare la piena fiducia mia personale e dell’Alto Adige nel cuore verso l’aggregazione civica che stretta attorno alle figure del vicesindaco Renato Stancher e del consigliere Lino Svaluto ha dimostrato in questi anni di duro lavoro di conquistare sul campo una credibilità politica ed una responsabilità amministrativa che si sono tradotte in scelte a favore della cittadinanza ampiamente riconosciute.

“Bisogna continuare a favorire a Brunico l’unificazione delle forze, evitare la frammentazione e la dispersione del consenso, ecco perché l’Alto Adige nel cuore si vuole riconoscere nel comune sforzo del Polo di Brunico e lealmente si impegnerà per dargli forza, evitando di presentare liste proprie sotto il proprio simbolo. Solo una rappresentanza unitaria della Comunità di lingua italiana di Brunico, alternativa alla Sinistra che ha deciso di correre da sola, potrà continuare a dare voce autorevole e mai subordinata ad una popolazione che sempre tenendo a cuore l’interesse generale della città intende garantire all’interno di essa un ruolo ed una funzione sociale, politica e culturale attiva della minorannza di lingua italiana. Questo significa avere oltre all’Alto Adige, anche Brunico nel cuore. Faremo con senso di responsabilità il nostro dovere per sostenere un progetto civico in cui crediamo, animato da tante personalità di altissimo profilo, impegnate per il bene comune. E’ la premessa più genuina per un successo che mira a mantenere fede agli impegni per una amministrazione del territorio scevra da pregiudizi, forte solo di un profondo senso della Giustizia.

All’incontro, a cui ha partecipato da Bolzano anche la collega di team Autonomie Elena Artioli, ho ritenuto in ogni caso di confermare che l’Alto Adige nel cuore si offre come terminale del Polo di Brunico in Consiglio provinciale, per ogni iniziativa che volesse essere trasferita dalla Pusteria anche in Provincia. Una disponibilità che non vuole limitare l’autonomia piena del Polo di Brunico ma offrire una sinergia operativa utile a garantire maggiore rappresentatività della comunità brunicense anche sulla scena provinciale.

Alessandro Urzì

L’Alto Adige nel cuore

Comments

comments