Fugatti: “Delrio ha detto a Rossi che la Valdastico si farà”

0
26
Fugatti, Salvini e Divina

“E’ dovuto arrivare il Ministro Delrio a Trento a spiegare alla giunta Rossi che la Valdastico si farà, e che poco o niente contano e conteranno le posizioni dell’esecutivo trentino. Finisce così la interminabile querelle sulla Valdastico che ha interessato il Trentino fin dagli anni ’70:  arriva un Ministro, ovviamente non trentino e italiano, e ci impone cosa dobbiamo fare, perché il centrosinistra e il PATT che finora hanno governato non sono stati capaci di decidere! Il peggiore degli epiloghi per una Provincia Autonoma come la nostra”. Sono queste le parole pronunciate dal Consigliere Provinciale Maurizio Fugatti in merito all’incontro che si è tenuto ieri tra il Ministro dei trasporti e i vertici della Provincia di Trento.
“E lo fa, il Ministro italiano, non dicendo nulla sull’altro tema sul quale a causa della miopia del centrosinistra sulla Valdastico rischiavamo di perdere un’altra grande occasione: il rinnovo della concessione A22. – Fugatti poi continua affermando – Il ritardo con cui e’ stato concesso il via libera alla concessione e’ stato causato dalla Valdastico, se no ci sarebbe stato molto prima. Nessuno lo dice ma e’ chiaro che per avere l’ok sulla concessione il Trentino ha dovuto accettare la Valdastico. Siamo arrivati al punto che la miopia politica ha costretto il Trentino ai baratti infrastrutturali: “Presidente Rossi se vuoi la A22 deve stare zitto sulla Valdastico!”. Così e’ andata. Non lo diranno mai perché e’ poco elegante, ma così e’ andata”.
Fugatti conclude affermando che il Trentino ha perso oltre venti anni di mancato sviluppo per la assenza della Valdastico. “La avesse accettata prima oggi avremmo sia la Valdastico che la concessione A22. Ma per questo scenario occorrerebbe avere avuto lungimiranza politica, cosa poco frequente purtroppo nel centrosinistra trentino”.

Comments

comments