Centrosinistra trentino preoccupato. Dellai: “Necessaria riflessione non faziosa”

0
258

Aria di preoccupazione all’interno del centrosinistra autonomista del Trentino dopo i risultati elettorali in Sicilia e a Ostia. Nelle scorse ore si sono ritrovati i rappresentanti di UAL, Verdi, Socialisti, UPT, PATT e Partito Democratico del Trentino. All’ordine del giorno la discussione sulla situazione politica attuale, sia nazionale che provinciale, anche alla luce dell’imminente discussione della legge finanziaria provinciale e delle prossime scadenze elettorali.

Da tutti i presenti è emersa la necessità di consolidare e rinforzare l’attuale maggioranza di Centro-sinistra autonomista, anche attraverso un confronto costante e periodico, in grado di valorizzare il lavoro comune fatto in questi anni e, soprattutto, produrre un programma politico in grado di rispondere alle attuali esigenze della comunità trentina.

I Partiti del Centro-sinistra autonomista hanno provveduto a fissare una serie di incontri volti al rafforzamento dell’azione politica e di governo, ma anche alla condivisione degli obiettivi perseguiti in questi anni di governo.

Intanto Dellai ha avvertito tutti: “Quando in un passaggio elettorale importante come quello siciliano prevalgono da un lato la riproposizione dell’antico potere e dall’altro l’avventurismo politico, chi vuole rimanere fedele alla politica come riformismo responsabile non può limitarsi a far finta di niente e neppure può mettere in campo l’inutile gioco al rimpallo reciproco delle responsabilità. Il centro sinistra deve aprire una riflessione profonda e non faziosa”

Il rischio è che il solco che divide il centrosinistra dalla larga maggioranza dei cittadini – che votano a destra, votano grillino oppure non votano – si allargherà sempre di più. “Non pare, purtroppo, che le prime reazioni al risultato siciliano siano all’altezza del messaggio che le urne hanno dato”, ha concluso Dellai.

Comments

comments