BEZZI CRITICA LA PRESUNZIONE DI ROSSI IN MERITO ALLA PROTONTERAPIA

0
14

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato stampa di Giacomo Bezzi,  Consigliere provinciale di Forza Italia, in merito alla sanità trentina.

Non ero intervenuto sulla questione della Sanità in riferimento all’apertura del nuovo centro di Protonterapia ma le dichiarazioni del “Presidente Ugo ROSSI ”  mi hanno lasciato sconcertato conoscendolo per quanto riguarda la sua presunzione di avere la verità in tasca su un tema cosi delicato.

10 anni fa quando il Consiglio Provinciale diede una sua prima approvazione a questo progetto, la protonterapia era una metodologia di cura all’avanguardia e si pensava che le regioni vicine ed il ministero avrebbero volentieri firmato le convenzioni per arrivare ad avere in Trentino un centro di eccellenza, all’avanguardia, con un numero di pazienti certo e adeguato al fine di garantire una sua copertura dei costi di gestione, pari a 14 milioni annui per 700 pazienti.

Oggi, 10 anni dopo, apriamo un centro che non è più all’avanguardia, altre tecniche, come la adroterapia, meno costose e più efficaci per talune patologie convinceranno le regioni vicine a non inviarci numerosi pazienti.

Anche perché il costo dei trattamenti si aggira sui 20.000 euro per persona ed i casi nella nostra provincia si potranno contare in poche decine. Quindi nessuna previsione di copertura dei costi di gestione a breve e nessuna previsione di convenzioni efficaci con le regioni vicine.

Ma dato che ormai si apre questo centro, speriamo almeno che possa funzionare al meglio considerando quello che è costato e ci costerà. Altra cosa è però avere la presunzione di avere fatto un grande passo in avanti e così vale anche per il NOT, perché, caro presidente, non vorremmo che tra 10 anni questa gara di appalto (da invalidare in autotutela) si trasformasse in una vicenda simile a questa di oggi, con però dei costi 10 volte superiori.

Anche in considerazione delle minori entrate del bilancio PAT e dei rischi concreti di ricorsi con pagamento dei danni alle imprese che hanno partecipato a questa tipologia di gara a causa di un non escluso annullamento della gara da parte della cassazione in futuro.

In questa materia così complessa inviterei la Giunta Provinciale ad avere maggiore umiltà e non avere troppe verità in tasca che potrebbero, in futuro, costare sangue ai Trentini.

On. Giacomo Bezzi

Comments

comments