Bruno Dorigatti alla 65^ Giornata per le vittime sul lavoro

0
36

Lavoro: formazione e informazione per creare una cultura della sicurezza.

La necessità e l’impegno a lavorare senza sosta alla costruzione di una cultura della sicurezza sul lavoro è stata affermata con forza da Bruno Dorigatti, intervenuto stamane nel proprio ruolo di Presidente del Consiglio provinciale, alla 65^ edizione della Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, organizzata da Anmil, (Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro). “Per fare questo – ha aggiunto il Presidente che ha offerto la disponibilità e garantito l’attenzione della massima istituzione provinciale in tal senso – occorre tenere alta l’attenzione sulla formazione e sull’informazione“. Occorre cioè costruire una nuova mentalità e diffondere la coscienza pratica della sicurezza, “un po’ come accadde allorquando fu imposto l’utilizzo delle cinture di sicurezza alla guida: qualcosa che oggi è entrato negli automatismi di ciascuno di noi, ma che al principio appariva per molti una forzatura“. Di più, ha aggiunto Dorigatti: “in un periodo di crisi come quello attuale la concentrazione su questi aspetti deve essere ancora maggiore perché sulla sicurezza non si può e non si deve “risparmiare”: sarebbe un rischio collettivo perché lo pagheremmo tutti quanti. Se negli ultimi anni gli infortuni sul lavoro hanno subito un sensibile calo (si parla del passaggio da 13.000 a 9.000 casi in un anno), non significa che il problema non rimanga allarmante, ha notato infine il Presidente del Consiglio. Il dato positivo potrebbe infatti essere per buona parte un inganno statistico dovuto alla grave crisi proprio di quei settori in cui gli infortuni sono più frequenti“.

Uno spunto, quello offerto dal Presidente Dorigatti che è stato poi ripreso anche negli altri interventi, nel corso di un confronto sui temi della sicurezza nel mondo del lavoro e delle malattie professionali introdotto dal Presidente di Anmil Bruno Endrizzi, che ha dato lettura della relazione annuale, fornendo anche i dati aggiornati del fenomeno. Hanno partecipato alla giornata anche il consigliere provinciale Gianfranco Zanon, il senatore Franco Panizza, il segretario della CGIL Franco Ianeselli, l’assessore alle attività economiche del Comune di Trento Roberto Stanchina, la vice direttrice di Inail Daniela Donati. Il Tavolo, che si è riunito presso la sala Conferenze della Fondazione Cassa di risparmio, è stato preceduto da un momento della memoria delle vittime del lavoro con deposizione di una corona presso il monumento ai caduti in largo Pigarelli a Trento. Ha allietato la piccola cerimonia il coro Sant’Isidoro di Martignano diretto dalla maestra Giacinta Dapreda.

[Photocredit www.lavocedeltrentino.com]

Comments

comments