CASA POUND TRENTO: “I METODI INTIMIDATORI NON CI SCALFISCONO”

0
14
“La nostra sede -dichiara Filippo Castaldini responsabile di CasaPound Trento –  non ha riportato danni ingenti: dell’atto vigliacco non è rimasta che la vetrina rotta e qualche detrito prontamente ripulito dai militati. Questo però – aggiunge – non sminuisce la portata di un atto vile e vergognoso”.
“Non sarà certo una bomba a fermare la nostra attività politica e culturale, che anzi continuerà con maggiore impegno e dedizione – sottolinea Castaldini – ma ci aspettiamo un’assunzione di responsabilità da parte di chi tutela e legittima azioni di questo calibro. Non solo gli artefici materiali del gesto, ma anche chi li aizza e fomenta il clima di tensione. Il baluardo non rimarrà chiuso, anzi domenica verrà organizzata una cena, a cui ci auguriamo intervengano tutti i cittadini che rifiutano queste logiche mafiose per dimostrare che i metodi intimidatori non ci scalfiscono”.

Comments

comments