LE GROSSE INDENNITA’ DEI CONSIGLIERI TRENTINI

0
14

Pochi mesi fa è stato deciso di ridurre le spese del Consiglio provinciale del Trentino. La riduzione ha comportato una riduzione dello stipendio dai  10.862 euro lordi  a 9.800, la diaria è stata invece abolita. A questa somma si aggiunge un rimborso spese forfettario per l’esercizio del mandato pari a 700,00 euro mensili netti e un rimborso per spese documentate per un importo massimo di 750,00 euro mensili netti.

Ma come funziona altrove? Nel Lazio l’indennità è pari a  4.252 euro al netto dalle quote contributive per il futuro assegno vitalizio, corrispondenti a € 1.594,63, per l’indennità di fine mandato di  € 59,06, e della ritenuta fiscale di € 3.456,87.

La diaria è pari a € 3.503,11, su una base di 18 presenze mensili e viene ridotta di € 222,39  per ogni giorno di assenza del  Consigliere dalle sedute di Consiglio o Commissioni consiliari.

Differenze rispetto al Trentino le troviamo in merito al rimborso dei viaggi compiuti dai Consiglieri per giungere in assemblea. Sempre nel Lazio, per esempio, è previsto, per tutti coloro che risiedono a più di 15 kilometri dalla sede del Consiglio regionale, un rimborso pari a un quinto del prezzo di un litro di benzina. In Trentino invece viene previsto un rimborso del 30% anche solamente per recarsi alla sede del Gruppo Consiliare.

L’indennità di carica dei membri del Consiglio regionale lombardo invece è fissato nella misura di € 6.600,00 lordi mensili, inferiore a quella per il Trentino che invece è fissata a 9.800 euro sempre lordi. Ricordiamo che comunque in Lombardia è prevista una diaria pari a 4.200 euro mensili.

Interessanti, ritornando a parlare del nostro territorio, è anche il trattamento previsto sulle trasferte per missione istituzionali. Sebbene siano previsti voli in classe economica; è previsto il rimborso delle spese di taxi, di parcheggio, di pedaggio autostradale. Un consigliere trentino può spendere al massimo per il pernottamento 255 euro al giorno e 45 per un pasto.

I dati comunque paragonano una Provincia a delle Regioni che hanno comunque diverse dimensioni. Il territorio trentino, sebbene montuoso, è inferiore come dimensioni a quello di Perugia ed a questo è inferiore anche come numeri di abitanti, 657 mila contro i nostri 530 mila.

Comments

comments