DALZOCCHIO E ANGELI ( LEGA NORD): “VERGOGNOSO STRUMENTALIZZARE I BAMBINI”

0
25

Quanto avvenuto la scorsa settimana a Rovereto, già da noi trattato, ha causato non poche polemiche. I consiglieri comunali di Rovereto, Mara Dalzocchio e Viliam Angeli, hanno così voluto commentare la vicenda:

“Siamo alla cinquantanovesima edizione del Carnevale dei Bambini e come tradizione, domenica, si è insediata la Minigiunta che per una settimana avrà le chiavi della città.

Tale iniziativa ha tutta la nostra approvazione poiché avvicinare i bambini alle istituzioni è sicuramente il primo passo per responsabilizzare i futuri cittadini e probabili amministratori sull’importanza dell’impegno personale che abbia come obiettivo la realizzazione del bene comune.

Quello che però non possiamo far passare sotto silenzio è il maldestro tentativo, così sembra, di utilizzare dei bambini di terza elementare per veicolare messaggi politici che riguardano temi di carattere nazionale, delicati, complessi e di difficile comprensione persino per un adulto.

Infatti, questa edizione della manifestazione seguirà il delicato tema dell’integrazione tra i popoli e la Minisindaco donna ha chiesto un preciso impegno al Sindaco, invitandolo a portare avanti con convinzione la questione della cittadinanza e dello ius soli.

La domanda viene spontanea. Chi ha indirizzato i bambini al tema e nello specifico allo ius soli?

Un conto è parlare di integrazione e spiegare ai bambini l’importanza del rispetto reciproco e del rispetto delle regole per una pacifica convivenza. Altro è cercare di convincerli che la soluzione del problema per risolvere le difficoltà oggettive che l’integrazione comporta, sia quella dello ius soli.

Interessante sarebbe sapere come sia stato affrontato l’approccio al tema e se gli alunni siano stati messi al corrente che esistono delle leggi che consentono, a chi risiede sul nostro territorio da dieci anni e con le carte in regola, di richiedere la cittadinanza purché lo vogliano.

Saranno stati informati che, anche i figli degli immigrati che sono nati in Italia al compimento della maggiore età, potrebbero comunque richiedere la cittadinanza? Sempre che sia un loro desiderio e non preferiscano mantenere quella d’origine. Avranno spiegato loro le differenze tra lo ius soli e lo ius sanguinis e i risvolti positivi e negativi delle due soluzioni? Sarà stato trattato l’argomento apoliticamente oppure, come pare essere accaduto, qualcuno avrà spostato la questione sull’aspetto meramente politico? Queste saranno tutte domande che i Consiglieri comunali di Rovereto della Lega Nord Trentino porgeranno al Sindaco, tramite una question time e un’interrogazione, al fine di comprendere secondo quali modalità e logiche vengano scelti gli argomenti da portare all’attenzione dell’amministrazione comunale.

Certo è che bambini di otto anni, seppur curiosi e alquanto informati sulle questioni sociali, non potrebbero volontariamente scegliere un argomento così peculiare come lo ius soli. Auspichiamo che il mondo scolastico, più che di politica, si occupi della formazione puramente culturale dei nostri figli e nipoti, lasciando ai genitori il compito di spiegare ed educarli su questioni così complesse e personali che, nel caso, devono comunque provenire dalla loro curiosità e non, forse, da qualche docente che preferirebbe l’ars oratoria politica all’educazione prettamente scolastica.”

 

 

Lega Nord Trentino

I consiglieri comunali di Rovereto

Mara Dalzocchio e Viliam Angeli

Comments

comments