Deloitte, Fugatti (LN): “Rossi sbrocca e minaccia querele! Faccia pure…”

0
40

Il comma 2 dell’articolo 4 del Regolamento interno del Consiglio provinciale recita: “Il Consigliere rappresenta l’intera provincia e non può essere chiamato a rispondere delle opinioni e dei voti espressi nell’esercizio delle sue funzioni”.

“Durante la riunione dei capigruppo di oggi, nella fase finale mentre si discuteva dei rapporti tra Deloitte e la Provincia di Trento, ho richiesto al Presidente Dorigatti le motivazioni per cui non era possibile divulgare le comunicazioni tra Informatica Trentina e Provincia che sono state consegnate ai consiglieri provinciali. Si tratta di due enti del tutto provinciali essendo la società una partecipata dalla Provincia stessa”. E’ quanto racconta il Segretario Nazionale della Lega Nord Trentino, Maurizio Fugatti. “Ho fatto anche presente che potrebbe sorgere il dubbio che la segretezza voluta sia da imputare al timore che possa passare il messaggio che all’interno di tali comunicazioni ci fosse la volontà della Provincia di indirizzare Informatica Trentina ad assegnare nuovi incarichi a Deloitte”.

2Su questo punto è intervenuto il Presidente Rossi che, nel mezzo della capigruppo, mi ha minacciato di querele qualora avessi fatto simili allusioni”, prosegue Fugatti. “Il metodo della minaccia, poco trentino e usuale di altri territori, non lo avevamo ancora visto applicare dal Presidente Rossi il quale, evidentemente sotto tensione proprio per la vicenda Deloitte, è sbroccato“.

“Minacci pure il Presidente. Quereli pure! Nel frattempo magari, tra una querela e l’altra, ci spieghi i molti dubbi che ancora ci sono sulla vicenda Deloitte. Ricordando magari i motivi per cui alla fine Informatica Trentina non ha concesso quella proroga del contratto tanto voluta dalla Provincia. Magari rendendo pubblico anche i pareri legali che, come ha detto lo stesso Presidente Rossi, Informatica Trentina si è fatta fare…”, conclude il Segretario leghista.

Comments

comments