FESTINI BROSA (LN) CRITICO SULLA RAFFICA DI MULTE IN CRISTO RE

0
49

“Per l’ennesima volta la solerzia dell’amministrazione comunale si vede in azione a danno del cittadino, invece che in difesa dei suoi diritti. Nella concomitanza dell’inizio della campagna elettorale ecco che compaiono in tutta la città i cartelli della pulizia strade notturna, che vuole rimettere a nuovo la città con l’arrivo della primavera.” Questa è la grave denuncia lanciata da Gianni Festini Brosa in merito a quanto sta succedendo nelle ultime settimane a Trento.

L’esponente della Lega Nord afferma anche che: “Purtroppo in Corso Buonarroti, come già in precedenza, tra residenti e fruitori degli esercizi (cinema, ristoranti, …) le “vittime” della multa scattata martedì sera prima dell’arrivo dei mezzi di pulizia, sono state oltre 50, un vero e proprio salasso ai cittadini che va a riempire le casse del Comune.

L’Art. 208 del “Nuovo codice stradale” che parla dei Proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie riporta che i proventi delle multe sono devoluti ai comuni quando le violazioni siano accertate da funzionari, ufficiali ed agenti dei comuni stessi, mentre i fondi devono essere utilizzati per la sicurezza stradale: attività di controllo e accertamento, segnaletica oltre ad una voce più generica (“manutenzione, piani del traffico, sicurezza degli utenti deboli, corsi di educazione stradale, assistenza e previdenza degli agenti”). Indagini recenti sull’argomento, mostrano che i comuni cercano di utilizzare al massimo tutti i margini concessi dalla normativa per potere utilizzare i proventi anche per scopi non immediatamente connessi alla sicurezza stradale.”

“È immediato – continua Festini Brosa – proporre poche semplici azioni future: come il calendario per la consegna dei rifiuti ogni cittadino dovrebbe avere precisa indicazione delle giornate di pulizie delle vie cittadine ed i soldi delle multe andrebbero impiegati per posizionare lo stesso calendario sulle vie per dare al cittadino un anno intero per conoscere le date precise. Essendo Trento una città con il vanto di un’ottima programmazione, è dunque urgente creare la cartellonistica adatta, con la data precisa delle pulizie di Dolomiti Energia.

In conclusione Gianni Festini Brosa afferma che “Per portare invece un po’ di sollievo ai cittadini esausti dal ripetersi periodico di questi prelievi massicci, il Comune deve provvedere con cartelli più visibili, non posizionati a ridossi di aiuole fiorite con cespugli voluminosi. E soprattutto spiegare nel dettaglio come il Comune di Trento impieghi i proventi delle sanzioni…”

Comments

comments