INAUGURAZIONE PROGETTO E SEDE “MiRitrovo” A TRENTO

0
13

“Più proposte e più risposte. Oggi ritorno a dare risposte al territorio da cittadino. Sono un dimissionario convinto, e spero che si torni presto a votare. Perché l’Italia ha bisogno di riforme concrete fatte da una classe dirigente nuova e rinnovata, giovane nei modi e nel pensiero, che possa essere lungimirante nelle proposte e incisiva nelle azioni”.

Riassume così il già Sottosegretario Walter Ferrazza l’idea che ha portato oggi all’inaugurazione della nuova sede a Trento e del progetto “MiRitrovo”, alla quale hanno partecipato anche esponenti del centro destra Trentino tra cui Giacomo Bezzi e Maurizio Fugatti.
“Potrei raccontarVi quello che ho fatto negli scorsi mesi”, prosegue Ferrazza, “ma preferisco dirvi quello che farò, ripartendo da oggi, che per me è una data storica. Ci ritroviamo, per essere presenti nei territori e per i territori. Ricordiamoci che siamo cittadini e che abbiamo tutti a cuore la nostra terra. I forconi protestano perché abbiamo affamato la classe lavoratrice. Noi, pur condividendo le motivazioni, non protestiamo. Noi proponiamo. La nostra risposta alla crisi economica del Paese si concretizza proponendo soluzioni di riforma, tra cui una raccolta firme per ottenere credito e quindi liquidità da destinare a favore di famiglie ed imprese, della quale invito tutti a prenderne visione. Abbiamo poi un’altra proposta pronta, di tema etico, per ottenere l’iscrizione all’anagrafe dei bimbi mai nati. Queste proposte derivano da esigenze manifestate dai cittadini. MiRitrovo è uno sportello, che darà servizi ma che soprattutto darà ascolto ai trentini, raccogliendole per trasformarle da proteste in proposte.”

Interviene a tal proposito anche il Consigliere Regionale Giacomo Bezzi “da parte mia e del mio gruppo la massima disponibilità a collaborare a questo nuovo progetto, rendendoci promotori e aprendo dibattiti in Consiglio Provinciale. Il gruppo che oggi stiamo creando sarà la nuova forza per le prossime elezioni, a partire dalle Amministrative di marzo, per arrivare alle prossime provinciali.

Questi 5 anni serviranno per radicare il centro destra nel territorio per proporci, finalmente, uniti, compatti, e coordinati con l’obiettivo comune di cambiare la tradizione politica Trentina.
Dello stesso parere anche Maurizio Fugatti, che dichiara “siamo legati dallo stesso filo conduttore.”

Conclude Ferrazza “Questo è solo il punto di partenza. A breve apriremo in tutta la provincia circoli territoriali a servizio dei cittadini. Proporremo programmi formativi ed informativi, dando spazio a tutti ed in modo particolare ai giovani. Sono loro la nostra speranza di poter costruire una nuova classe dirigente. E in loro, dobbiamo investire”.

Comments

comments