LA LEGA NORD TRENTO DICE “STOP AI NOMADI”

0
39

Ieri, martedì 17 marzo 2015, i rappresentanti della Lega Nord Trentino si sono ritrovati alle ore 16.30 presso l’ex area Rigotti, punto di accesso all’abitato della Vela, per dichiarare la completa contrarietà allo stanziamento in quel luogo di un altro campo nomadi.
Lo stanziamento, nonostante sia in località non attrezzata né a ciò adibita dalla pianificazione urbanistica cittadina, sembra sia stata autorizzata dal Comune e rimangono da verificare le reali motivazioni di tale decisione, che li stanziano su un terreno comunale. Sembra inoltre che il comune provvederà ad effettuare gli allacciamenti per acqua, luce e gas.
Se si considerano i due principali ingressi del quartiere della Vela, a nord e sud, vi si trovano due aree dove lo stazionamento di “camperisti abusi” permette loro un controllo completo, in entrata ed in uscita, dei residenti alla Vela, che si trovano di fatto prigionieri. Ogni cittadino che entra od esce dalla Vela viene accuratamente controllato per gli orari di spostamento, le caratteristiche della sua gestione della vita quotidiana e questo non è tollerabile.
La Lega Nord Trentino interviene pertanto per dire un forte NO a questo tipo di permissivismo da parte del Sindaco, a questo utilizzo del denaro pubblico e per chiedere sia restituita immediatamente la “libertà” di movimento dei “veloti”.
I numerosi presenti al presidio hanno in questo modo voluto chiedere all’amministrazione di fermare questa invasione di nomadi e di restituire il libero accesso al quartiere ai residenti della Vela.
Assieme al candidato sindaco Claudio Cia erano presenti tra i molti militanti e sostenitori della Lega Nord Trentino i consiglieri comunali Vittorio Bridi e Bruna Giuliani ed i consiglieri circoscrizionali Gianni Festini Brosa e Devid Moranduzzo.

Comments

comments