LA LEGA INIZIA IL TOUR “NO TICKET” AL S.CHIARA DI TRENTO

0
35

Da ieri alle ore 10.30, la Lega Nord Trentino ha iniziato la raccolta firma per dire no all’introduzione di nuovi ticket sanitari sulla spesa farmaceutica e sulle prestazioni specialistiche, su alcuni servizi assistenziali e l’aumento delle rette nelle case di riposo (dai quali pare si ricaverebbero 3,6 mln di euro contro un taglio di 14 mln di euro nel settore sanitario provinciale) presso l’ospedale S.Chiara di Trento. “Non si dimentichi che la quota da versare per ogni contribuente verrà calcolata in base all’indicatore ICEF che, come sempre, penalizzerà soltanto i cittadini trentini. (Tale disposizione è contenuta nell’art.32 della finanziaria che approderà in Aula consiliare dal 15 al 19 dicembre).” ha affermato Maurizio Fugatti.

“La Lega Nord -continua Fugatti – ha fermamente dichiarato la propria contrarietà alla nuova tassa perché mentre ai trentini vengono tolti servizi e aumentate le gabelle nonostante la crisi economica in atto che ha messo in ginocchio numerose famiglie, la Provincia decide di accrescere gli stanziamenti per l’accoglienza, l’assistenza sanitaria e il mantenimento dei profughi di Mare Nostrum con altri 679.296 euro, andando così ad investire un importo totale di 1.702.768 euro. Si capisce quindi che con le cifre spese per i profughi si coprirebbe oltre la metà del gettito dei ticket sanitari.

A questo punto ci chiediamo da che parte stia l’amministrazione del centrosinistra trentino: con i trentini in difficoltà che hanno da sempre sostenuto l’economia della nostra terra o con coloro che vivono a spese della collettività?

Ecco perché la Lega Nord Trentino ha indetto il “Tour No Ticket” che andrà a toccare tutti gli ospedali presenti sul territorio. Questa mattina le adesioni raccolte hanno superato il centinaio con grande soddisfazione di tutti.

I cittadini interessati alla sottoscrizione possono contattare la Segreteria allo 0461/233918 chiedendo informazioni in merito alla petizione popolare.”

Comments

comments