LEGA NORD ANCORA CONTRO LA CRIMINALITA’ PRESENTE A TRENTO

0
26

Questo pomeriggio, presso la stazione dei treni di Trento, la Lega Nord Trentino ha tenuto una conferenza stampa per esprimere nuovamente, così come fatto negli ultimi quindici anni, il proprio dissenso verso la mancanza di provvedimenti da parte dell’amministrazione comunale e provinciale volti a far fronte al reale problema della sicurezza in città e nelle periferie trentine.

La stazione, come ha spiegato il Segretario della Lega Nord Trentino e Consigliere provinciale Maurizio Fugatti, è rappresentativa, data la sua collocazione nei pressi di Piazza Dante e Via Pozzo, del fenomeno della criminalità, sotto varie forme, nel capoluogo trentino. Una situazione che ormai, ha spiegato Fugatti, sta divenendo insostenibile e che abbisogna di una tavolo di concertazione tra Comune, Provincia e Forze dell’ordine per intensificare i controlli su tutto il territorio ed attuare politiche di contrasto alla criminalità. Negli anni, ha denunciato Fugatti, sono stati presentati numerosi atti presso tutte le sedi istituzionali da parte della Lega Nord Trentino ma, in seguito al loro deposito, il Carroccio è sempre stato accusato di voler amplificare il fenomeno ed utilizzarlo a proprio fine. Ma allora dov’è il PATT oggi che, durante la campagna per le elezioni provinciali, mandava le Miss in tacchi a spillo in Piazza Portela per affrontare il problema? Cosa ha fatto quel partito autonomista se non ingannare i cittadini ed utilizzare la criminalità come scusante per il voto?

Dello stesso parere il Consigliere comunale e Segretario della Sezione di Trento Vittorio Bridi, il quale sollecita il Sindaco Andreatta a spogliarsi del buonismo che lo ha caratterizzato finora e delle scelte sbagliate in tema di sicurezza. Bridi ha dichiarato il fallimento delle politiche comunali sul tema, sollecitando chi di dovere a far uscire dagli Uffici amministrativi parte della Polizia urbana e a insediarla sul territorio per avviare il contrasto alla criminalità e l’identificazione di nullafacenti e personaggi poco raccomandabili che si aggirano per la città a qualsiasi ora del giorno e della notte. Bridi ha raccontato alcuni episodi avvenuti, alcuni di gravità rilevante per una cittadina come la nostra.

Il Consigliere circoscrizionale del Centro storico, Gianni Festini Brosa, ha ricordato all’amministrazione comunale che è inutile dipingere Trento come una città turistica e piena di attrattive se poi furti, rapine, spaccio e prostituzione avvengono tranquillamente sotto gli occhi di tutti senza che nessuno pensi a sanare la situazione.

La Lega Nord Trentino auspica che al più presto si attivino delle politiche mirate a contrastare il fenomeno della delinquenza, perché tutti i giorni assistiamo ad episodi di violenza e microcriminalità che non possono essere caratteristici della nostra Provincia.

Se la politica e le sedi istituzionali non vogliono ascoltare quanto denunciato più volte dalla Lega Nord Trentino, diano quanto meno risposte ai cittadini, ormai stanchi di avere timore di uscire di casa e pensare di poter essere presi di mira da qualche borseggiatore o malvivente.

Comments

comments