LA LEGA NORD TRENTINO INIZIA IL “TOUR NO TICKET”

0
28

“I tagli nel settore sanitario sono all’ordine del giorno. Se prima sarebbero fioccate promesse da parte di qualche ex Assessore circa il mantenimento dei servizi nelle valli e la realizzazione di nuove strutture, ora Borgonovo Re pare andare dritta per la sua strada attuando una consistente spending review.”Sono queste le parole pronunciate da Maurizio Fugatti, consigliere provinciale e segretario nazionale della Lega Nord Trentino.
“Se già in precedenza la maggioranza ha dimostrato in più occasioni di vacillare, ora tra PD, PATT e UPT nasce la nuova battaglia circa l’introduzione di nuovi ticket sanitari sulla spesa farmaceutica e sulle prestazioni specialistiche, su alcuni servizi assistenziali e l’aumento delle rette nelle case di riposo dai quali pare si ricaverebbero 3,6 mln di euro contro un taglio di 14 mln di euro nel settore sanitario provinciale. Ma nonostante al PD non piaccia questa ipotesi (forse più per tornaconto elettorale), pare che la decisione sia irrevocabile, aumentando così ulteriormente le uscite delle famiglie trentine.

Nel frattempo però, mentre ai trentini vengono tolti servizi e aumentate le uscite, la Provincia decide di accrescere gli stanziamenti per l’accoglienza, l’assistenza sanitaria e il mantenimento dei profughi di Mare Nostrum con altri 679.296 euro, andando così ad investire un importo totale di 1.702.768 euro. Si capisce quindi che con le cifre spese per i profughi si coprirebbe oltre la metà del gettito dei ticket sanitari!”
“A questo punto – continua Fugatti – ci chiediamo da che parte stia l’amministrazione del centrosinistra trentino: con i trentini in difficoltà che hanno da sempre sostenuto l’economia della nostra terra o con coloro che vivono a spese della collettività?”

“Vista – conclude il Consigliere provinciale – la nostra contrarietà all’introduzione dei nuovi ticket e ai tagli nel settore sanitario che da mesi si stanno operando sul territorio depotenziando le strutture periferiche, da lunedì la Lega Nord Trentino inizierà il “Tour No Ticket” toccando tutti gli ospedali presenti sul territorio. Fuori dalle strutture i cittadini potranno firmare una petizione popolare con la quale si richiede alla Giunta di non introdurre i nuovi ticket sulla spesa farmaceutica e sulle prestazioni specialistiche e di non aumentare le rette delle case di riposo.

Il primo appuntamento sarà lunedì 17 novembre 2014 presso l’ospedale S.Chiara di Trento.”

Comments

comments