I profughi viaggiano gratis sui trasporti pubblici del Trentino

0
20

Trasporti gratis ai richiedenti protezione internazionale in Trentino. E’ questo quanto affermato dall’Assessore Luca Zeni a seguito di un’interrogazione presentata dall’esponente di Civica Trentina Rodolfo Borga. L’interrogazione era sorta a seguito di un’aggressione subita da dipendenti di Trentino Trasporti a opera di un profugo nello scorso luglio.

Trattasi di un richiedente asilo che, dopo aver dato in escandescenza alla richiesta di mostrare il proprio titolo di viaggio, si è dapprima rifiutato di regolarizzare la sua posizione e di fornire le proprie generalità, e quindi, dopo aver tentato di sfuggire al controllo, ha aggredito due controllori, colpiti entrambi con violenti pugni.

Per quanto invece riguarda l’aggressione, l’Assessore Luca Zeni ha affermato che :“Da informazioni assunte presso la Società Trentino Trasporti, la procedura penale non è stata ancora attivata e quindi nemmeno valutata la costituzione parte civile. con riguardo alla sicurezza degli operatori, autisti e controllori, la Società ha assunto e assumerà molteplici iniziative idonee a creare la necessaria dissuasione rispetto al contrasto di comportamenti scorretti da parte degli utenti (videosorveglianza sui mezzi, blindatura postazione autista, controllo titoli di viaggio, numero controllori incrementato)”.

Sulla situazione il mondo politico si porrà nei prossimi giorni delle domande. Ha senso offrire il trasporto per persone che non hanno intenzione di pagare il biglietto?

Rispondi