SICUREZZA E PROBLEMA ANARCHICI. ANDREA MERLER INCONTRA IL QUESTORE D’AMBROSIO

0
57

“Questa mattina ho incontrato il Questore D’Ambrosio. Il confronto di circa un’ora è stata l’occasione per effettuare uno scambio di visioni relative alla sicurezza ed all’ordine pubblico nella nostra città.” Sono queste le prime parole pronunciate da Andrea Merler dopo l’incontro avuto stamattina in questura.

“Il numero preoccupante – continua Merler – di furti in abitazione (dato 2014 Trento: 1301. Bolzano: 276), la diffusione del fenomeno di spaccio sulla “piazza” di Trento, la prostituzione su strada giunta sostanzialmente nel centro storico della nostra città (S. Martino, Piazza della Portela, Via Tommaso Gar e la Facoltà di Lettere, S. Pio X ed il centro di più circoscrizioni), le rapine a negozianti e cittadini, il borseggio di anziani, casi di ubriachezza molesta nei parchi, il racket dei mendicanti, ed infine l’occupazione abusiva da parte degli anarchici dell’ex Asilo.”

Il Questore ha confermato che, nonostante la diminuzione delle risorse, i pattugliamenti ed i controlli vengono effettuati in modo costante e continuativo, con particolare attenzione alle zone “calde “ della nostra città.

Il Candidato di Civica Trentina e attuale Consigliere comunale ricorda: “Come di consueto i Questori “inviati” a Trento hanno gestito situazioni ben più allarmanti e pericolose della nostra. Proprio per tale motivo ho voluto ribadire con forza che gli interventi, tanto preventivi quanto repressivi, devono essere effettuati in modo fermo anche da noi, poiché a Trento non vi devono e non vi possono essere “zone franche”, come si è verificato in questi anni. Su questo ho riscontrato la massima condivisione e disponibilità del dott. D’Ambrosio.”

Una speciale attenzione è stata rivolta anche relativamente all’occupazione anarchica del ex Asilo. “Ho evidenziato come Trento non sia disponibile ad ospitare una sorta di centro sociale anarchico e come la situazione debba essere risolta nel più breve tempo possibile. Sul punto il Questore ha sottolineato come la situazione sia monitorata e rappresenti una chiara priorità delle Forze dell’Ordine.”

“Personalmente credo che questa vicenda evidenzi la responsabilità politica della Giunta Andreatta, che ha fatto dell’accoglienza indiscriminata un vanto assoluto ed insensato. La Provincia Autonoma di Trento, proprietaria dell’immobile – a mezzo della Patrimonio S.p.a. – ha di fatto consentito l’occupazione posto che uno sgombero vi era già stato qualche anno fa e che l’impegno di riqualificare l’immobile adibendolo a casa di accoglienza per i minori è stato totalmente disatteso.”

In chiusura Merler ha evidenziato al Questore che “qualora le elezioni ci consegnassero la responsabilità di governare la città profonderemo il massimo impegno nella collaborazione al problema della sicurezza, mediante la nostra attiva partecipazione al tavolo per la sicurezza e l’ordine pubblico ed effettuando importanti investimenti economici, sociali ed urbanistici in tal senso.”

Comments

comments