Trento, Piazzale S. Severino libero: la promessa elettorale di Claudio Cia

0
72

La crisi mondiale scoppiata nel 2008 ha avuto impatti giganteschi sulla vita quotidiana di ognuno e uno di questi mutamenti delle abitudini dei cittadini è stato anche il sempre maggiore utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici rispetto a quelli privati: da quel fatidico anno hanno sempre più preso piede risoluzioni volte a consentire un minore flusso del numero di automobili circolanti e un maggior risparmio economico a chi ha bisogno di spostarsi. Ne è un esempio lampante Blablacar, un’iniziativa spontanea nata in rete che si caratterizza per la condivisione di una sola auto e la suddivisione della quota di viaggio tra tutti i passeggeri ospiti.

Claudio Cia, candidato Sindaco per il Centro-Destra alle prossime elezioni comunali del 10 maggio, sottolinea come «già l’aumento delle tariffe degli stalli blu ha fatto diventare la sosta per un paio d’ore in città un lusso che non tutti possono permettersi». Se poi si aggiunge che il più grande parcheggio gratuito a Trento – il Piazzale S. Severino – è spesso e volentieri occupato dal luna park, Cia giunge alla conclusione che tutto ciò «è ormai diventato motivo di esasperazione per molti concittadini», analizzando poi con occhio attento e vigile che questo fenomeno automobilistico urbano può «procurare l’aumento dell’inquinamento dovuto ad un maggior numero di veicoli che percorrono per decine e decine di minuti le vie della città alla ricerca di un posto libero».

Non è certamente la fiera delle giostre la causa del problema: più che altro lo è il suo collocamento. Infatti Cia evidenzia questa questione affermando che non ha «nulla in contrario al fatto che, in concomitanza con la Fiera di S. Giuseppe (dal 6 al 22 marzo, ndr), a Trento si stabilisca un luna park, per la gioia di bambini e famiglie», ma suggerisce che «vi sarebbero zone altrettanto accessibili (es. Piazza Dante, Piazza Fiera,….) che meglio si presterebbero ad ospitarlo e il cui utilizzo consentirebbe di lasciare a disposizione degli automobilisti l’ampio Piazzale S. Severino».

Insomma, una proposta che – per dirla con un eufemismo – prende due piccioni con una fava: spostando eventi socio-ludici come il luna park in zone maggiormente frequentate dalla comunità, come le piazze in centro urbano citate, si consentirebbe alle famiglie e ai pargoli il medesimo (se non maggiore) svago ed intrattenimento, e al tempo stesso si lascerebbe spazio libero agli automobilisti per poter sostare tranquillamente senza “impazzire” nel cercare un posto libero.

Claudio Cia conclude allora promettendo: «Personalmente, dichiaro fin da subito che, se sarò eletto Sindaco, il parcheggio di Piazzale S. Severino sarà regolarmente accessibile per 365 giorni all’anno». Una proposta risolutiva semplice ed efficace, come difatti sono spesso proprio le idee più semplici a portare maggiori benefici.

di Giuseppe Comper

Comments

comments