Voto elettronico in Consiglio Regionale, Urzì e Civettini perplessi

0
27

Con la seduta odierna è stato introdotto il voto elettronico anche nell’aula del Consiglio regionale. Il nuovo sistema, dotato di touch screen, ha sollevato perplessità da parte di alcuni consiglieri. Claudio Civettini(Amministrare e Civica Trentina): “Con questo sistema sparisce il voto segreto, perchè il vicino di banco può vedere dove viene messo il dito”. Anche Alessandro Urzì (Misto) ha detto che il sistema elettronico non garantirebbe l’effettivo anonimato. Ha quindi chiesto che per le votazioni segrete si possa continuare a votare nell’urna.

La Presidente Avanzo ha replicato che il sistema è stato studiato per garantire il voto segreto, ricordando che attualmente questo sistema è utilizzato sia in ambito nazionale, sia a livello europeo. Ha quindi chiesto di proseguire i lavori e poi, in corso d’opera, di valutare il sistema. Su richiesta del capogruppo dell’Svp, Dieter Steger, è stato anticipato il punto 8 all’Ordine del giorno, il Disegno di legge 67, al punto n. 2. Dopo la votazione, il Consigliere Urzì ha sollevato nuovamente la questione del voto segreto e ha chiesto una riunione dei capigruppo in materia.  Dopo la riunione, è stato deciso che per quanto riguarda la votazione segreta si procederà con l’urna.

Comunicato alla stampa Regione.

Comments

comments