Futura 2018: “In Trentino bisogna investire di più in cultura”

Il Trentino deve investire di più in cultura, spettacoli ed arte“. Questo il riassunto di quanto detto martedì sera all’incontro organizzato da Futura 2018 con operatori del settore. 

Questi linguaggi anticipano le tendenze e costruiscono il futuro, oltre ad essere motori di sviluppo economico. Investiamo nell’arte e nella cultura perché ci fanno sentire più vivi e meno distanti” specifica la lista in un comunicato stampa.

Purtroppo la cultura è scomparsa dalle agende politiche e dei partiti, in molti casi vi gioca un ruolo marginale. Noi siamo convinti che invece occorra ripartire da un incremento delle materie scolastiche come educazione artistica e musica, per riportare le giovani generazioni alla bellezza ed alla cultura” sostengono i candidati di Futura 2018.

La lista sottolinea inoltre la difficoltà nel fare arte al giorno d’oggi: fra impedimenti burocratici e calo indistinto delle risorse, il Trentino ha vissuto anni di progressiva contrazione della produzione, senza contare il restringersi progressivo degli spazi pubblici e privati dedicati allo spettacolo. L’impegno che Futura 2018 si è presa è quello di organizzare altri appuntamenti partecipativi aperti, continuando un percorso di interscambio di idee per raccogliere segnalazioni e problematiche.

Futura 2018 poi propone un assessorato alla cultura provinciale che abbia una dotazione di bilancio adeguata, “Affinché il Trentino torni a parlare i linguaggi della contemporaneità, dell’innovazione, del dialogo europeo“. Un “Fondo Unico” dello spettacolo in sostanza, che agisca in coordinazione con un “Osservatorio” delle politiche culturali. Sarà fondamentale anche la collaborazione con le realtà giovanili, attualmente non adeguatamente coinvolte secondo Futura 2018.

Il Trentino è meraviglioso e la vivacità culturale è migliore che in altre regioni italiane. Eppure ci sono ben sette regioni in Italia che investono più di noi in cultura. In questi tempi di paura, isolamento e fake newsconclude il comunicato di Futura 2018 – la cultura è una forma di resistenza. Ma anche un grande investimento sul futuro dei nostri figli“.