Progetto Nazionale e l’intellighenzia sovranista a sostegno del Segretario Nazionale della Lega Trentino Mirko Bisesti. La sezione della Provincia Autonoma di Trento dell’associazione Progetto Nazionale (PN), dopo aver attentamente letto i programmi delle coalizioni che si presenteranno alle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale di Trento del prossimo 21 ottobre, ha deciso di dare il proprio pieno appoggio alla Lega.

Alla base della decisione dell’associazione vi è la svolta sovranista ed identitaria del partito guidato da Matteo Salvini. Sul programma per la nostra comunità trentina, Progetto Nazionale condivide le proposte leghiste in merito alla chiusura delle Comunità di Valle, l’introduzione del merito nella scelta dei dirigenti dell’ente provinciale, la difesa della vita e della famiglia naturale. Molto positivo per Progetto Nazionale la particolare attenzione al tema legato alla sicurezza ed all’incolumità dei cittadini, questione sempre più attuale ed urgente per la città di Trento.

“Abbiamo deciso – spiega il presidente trentino di Progetto Nazionale Trentino Emilio Giulianadi dare il nostro sostegno a Mirko Bisesti, segretario della Lega del Trentino. Mirko, oltre ad aver lavorato con Salvini al parlamento europeo, è stato uno stretto collaboratore del Ministro Lorenzo Fontana, persona a noi cara e vicina al mondo del tradizionalismo cattolico e strenuo combattente per gli ideali di sovranità ed identità, che noi riteniamo essere i punti principali su cui orientare l’agire politico del governo per ridare piena dignità al nostro amato Paese”.

A sostegno di Mirko Bisesti, a Trento si è svolta una cena organizzata da Emilio Giuliana con gli intellettuali Fabrizio Fratus e Vincenzo Sofo, fondatori del Think Thank Il Talebano, tra i principali ideatori della svolta sovranista della Lega voluta da Matteo Salvini, ospiti di molti talk politici televisivi. Assieme ai due, è intervenuto anche un personaggio del calibro del Professor universitario Salvatore Santangelo, famoso intellettuale di destra e giornalista, dal 2009 al 2013 direttore del Centro studi della Fondazione Nuova Italia e direttore responsabile de L’Italiano (quotidiano on-line dedicato alle comunità italiane nel mondo) e di Theorema (trimestrale di sicurezza e intelligence).

Bisesti, protagonista della serata, ha voluto ringraziare per il supporto ricevuto. “Sono sostegniha affermato il Segretario Nazionale della Lega Trentinoche indubbiamente sono importanti per la Lega di Matteo Salvini e, a livello locale, per la Lega Trentino. Ciò che ci unisce sono le battaglie per la difesa del sovranismo, per un’ Europa diversa da quella che ci è stata imposta da persone che hanno solo lauti stipendi per sè e per la loro famiglia. Nei fatti è nostra intenzione comune puntare a un’Europa dei Popoli e non a un’Europa delle banche e dello SPREAD”.

Poi Bisesti ha focalizzato l’attenzione nel ruolo che la Provincia Autonoma di Trento deve avere in Europa. “Noi non siamo schiavi di Bruxelles. Quello di ottobre sarà un voto per rendere la nostra Provincia Autonoma protagonista in Europa anche per quanto riguarda temi importanti come quello dei finanziamenti europei”, ha affermato Bisesti al termine dell’incontro.