“In merito al video circolante in questi giorni, riguardante il nostro candidato Enzo Erminio Boso, – il cui contenuto è stato ripreso anche da alcuni quotidiani d’informazione e da alcuni siti di notizie online – è stata, nella giornata odierna, presentata una denuncia penale”. È quanto dichiarato in una nota da Mirko Bisesti, Segretario nazionale della Lega Trentino.

“Una volta identificati dalle forze dell’ordine, i responsabili di tale atto ne risponderanno in sede penale, oltre che civile, per il risarcimento dei danni materiali e d’immagine”, ha rimarcato Bisesti, che ha poi proseguito: “spiace infatti constatare che ancora oggi vi siano soggetti che si riducano a simili comportamenti al solo scopo di screditare l’avversario, deridendolo agli occhi dell’opinione pubblica e criminalizzandolo”.

“Sono persino arrivati a usare in maniera fraudulenta il simbolo della Lega per queste elezioni pur di attaccarci. Atteggiamenti che ben conosciamo e che cristianamente subiamo nei limiti del possibile, come è del resto nel loro stile”, ha poi denunciato, ribadendo: “Enzo Erminio Boso non doveva essere trattato così: innanzitutto perché Enzo rappresenta una figura storica della Lega in Trentino e in secondo luogo perché si deve portare rispetto per età. Molti giovani della Lega, e io personalmente, lo conoscono fortunatamente anche personalmente e non è sicuramente l’immagine che traspare da quel video”.

“Sono certo – ha continuato – di come i Trentini sapranno distinguere tra coloro che ricorrono ai mezzi più subdoli, dalla falsificazione delle immagini, al furto d’identità, alla diffamazione aggravata, per alterare il loro giudizio che, il 21 Ottobre, non potrà che avere un’unica conseguenza: il Cambiamento per migliorare il futuro del Trentino!”, ha infine concluso nella nota.