Tonini (PD): “Noi siamo la sicurezza per il Trentino”. E Gentiloni attacca la Lega

tonini

Paolo Gentiloni lancia ufficialmente la candidatura di Giorgio Tonini a Presidente del Trentino. Il centrosinistra, al governo in provincia dal 1998 con l’elezione di Dellai, è stato definito come il garante dell’autonomia trentina.

L’autonomia trentina è una cosa importante, non possiamo buttarla via. Quello trentino non deve diventare un modello né padano né anti-europeo” ha dichiarato l’ex Presidente del Consiglio Gentiloni. “Certo, bisogna fare i conti con le difficoltà e migliorare quello che va migliorato, ma consegnare questa speciale autonomia a un movimento nazionalista ed estremista sarebbe molto pericoloso“.

Scegliere Giorgio Tonini – conclude Gentiloni – con le liste a suo sostegno è una scelta di sicurezza in virtù delle sue radici trentine e della sua esperienza politica e amministrativa a livello nazionale. L’autonomia va difesacambiata in meglio“.

Ringrazio Paolo Gentiloni e tutti voi che vi state raccogliendo attorno al progetto dell’Alleanza Democratica e Popolare per l’Autonomia” ha dichiarato Tonini, ringraziando del sostegno dell’ex Premier. “La nostra non è solo una coalizione di sigle, ma un’unione forte e convinta di essere nel centrosinistra, che ha ben governato in questi anni, l’unica capace di garantire un futuro stabile al Trentino e alla sua preziosa autonomia, strumento di crescita e punto di riferimento per gli altri territori“.

Lanciando la chiusura odierna della campagna elettorale, Tonini ha aggiunto: “Non ascoltate SalviniBerlusconi e i 5 Stelle. Fanno solo propaganda, guardate la boutade elettorale sul tunnel del Brennero fuori tempo massimo“.