Malaria: la bambina deceduta era andata a Bibione in un campeggio

0
605

Il caso di S.Z., la bambina di quattro anni spentasi – uccisa dalla malaria – nella notte tra domenica e lunedì all’ospedale di Brescia dove era stata trasferita d’urgenza, fa ritornare in Italia la paura malaria.

La bambina, infatti, durante un campeggio estivo a Bibione, il 13 agosto, era stata male venendo ricoverata – per una forma di diabete – prima all’ospedale di Portogruaro poi a quello di Trento. Le sue condizioni, però, non sono migliorate e il ricovero di ieri sera, con conseguente trasferimento a Brescia, non è stato sufficiente per salvarla.

Intanto il Consigliere provinciale Claudio Civettini ha richiesto alla Provincia Autonoma di Trento se “si intendono disporre tutti gli accertamenti sul possibile caso di contagio di malaria presso l’ospedale di Trento; come si intenda rassicurare la popolazione trentina rispetto al fatto che non vi possano essere rischi di contagio alcuno, ad oggi, nella nostra Provincia”.

Sono in corso indagini su un ricovero precedente della bambina nel reparto di pediatria del Santa Chiara, dove pare fossero presenti negli stessi giorni (dopo Ferragosto) due bambini che avevano contratto la malattia durante un viaggio in Africa.

Comments

comments