A NATALE TORNANO I CESTI ENOGASTRONOMICI

0
30

Quattro italiani su dieci (il 39 per cento) acquisteranno quest’anno prodotti alimentari confezionati anche nei tradizionali cesti dove i prodotti piu’ gettonati sono lo spumante (66 per cento), i dolci (62 per cento), la frutta secca (57 per cento), i salumi (55 per cento), le lenticchie (51 per cento) e l’olio extravergine (48 per cento) che quest’anno è una vera rarità considerata l’annata particolarmente difficile. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/ixe’ nell’ultimo week end prima della preparazione del menu natalizio, nel quale si concentrano numero iniziative lungo la penisola a partire da Milano dove sotto i grattacieli della zona Isola si svolge l’iniziativa e fattorie sotto i grattacieli’ con le bancarelle dei produttori di agroalimentare che propongono per l’occasione anche dei cesti natalizi a km zero. Quest’anno per la prima volta dall’inizio della crisi l’agroalimentare – sottolinea la Coldiretti – sorpassa i regali e diventa la voce piu’ pesante del budget che le famiglie italiane destinano alle feste di fine anno, con una spesa complessiva per imbandire le tavole del Natale e del Capodanno di  4,1 miliardi di euro. Si assiste – precisa  la Coldiretti – a una fortissima attrazione verso la riscoperta del legame con i prodotti del territorio e secondo l’indagine Coldiretti/Ixè il 69 per cento degli italiani responsabili della preparazione dei pasti porterà in tavola prodotti Made in Italy, il 27 per cento addirittura locali o a chilometri zero e il 10 per cento prodotti biologici, mentre un 17 per cento guarderà alle offerte e al basso prezzo. Non è un caso il fatto che gli italiani – conclude la Coldiretti – trascorreranno quest’anno 3,5 ore in media per la preparazione del pasto principale del Natale, con uno storico ritorno del fai da te casalingo che non si registrava dal dopoguerra.

Comments

comments