TRENTINO: LA GESTIONE DEL PAZIENTE COMPLESSO

0
29

Il progetto nasce nell’agosto 2012, con l’Accordo di collaborazione sottoscritto fra il Ministero della salute, presso il quale è stato istituito fin dal 2004 il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM), e la Regione Toscana per portare avanti interventi di continuità di cura per il paziente complesso e modelli di gestione innovativi ad alto contenuto tecnologico.
La proposta progettuale, approvata dai Comitati strategico e scientifico del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie, prevede il coinvolgimento di tre regioni e province autonome, fra cui anche la Provincia autonoma di Trento. Gli enti partner sono l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, il Dipartimento Salute e solidarietà sociale della Provincia autonoma di Trento, la Fondazione Bruno Kessler.
Il paziente complesso è quello che più contraddistingue il nostro secolo: si tratta di un malato cronico, affetto da più patologie incidenti contemporaneamente, la cui gestione richiede uno sforzo di integrazione, multidisciplinarietà e continuità. Per questo si propone l’applicazione in Italia, in particolare nelle Regioni Toscana e Lazio (in collaborazione rispettivamente con l’Università di Firenze e la Cattolica) e nella Provincia autonoma di Trento (in collaborazione con Fbk), un approccio di sistema innovativo per gestire questo tipo di malato, dove gli strumenti ad alta tecnologia sono di fondamentale importanza. L’attenzione viene posta sul coinvolgimento diretto del medico di medicina generale e sul ruolo del paziente stesso.
Punto di partenza è l’implementazione di una struttura di raccolta e gestione dei dati, biologici e clinici, che deve necessariamente avvalersi di sistemi standardizzati ad elevata tecnologia, ovvero è necessario una piattaforma che raccolta, integri ed analizzi dati ad un livello di complessità finora mai gestito. Obiettivo del progetto è implementare un intervento di continuità di cura per il paziente complesso interamente gestito attraverso una piattaforma online di tele salute.
In Trentino la sperimentazione sarà basata sul sistema TreC, una piattaforma online di servizi sanitari per i cittadini trentini che consente di accedere alla propria documentazione sanitaria e permette di tenere traccia della propria storia clinica.
TreC, ovvero la “Cartella clinica del cittadino”, che nasce da una sinergia fra Provincia autonoma di Trento, Azienda provinciale per i servizi sanitari e Fondazione Bruno Kessler, risponde a quanto previsto, a livello nazionale, dalla recente normativa in materia di Fascicolo Sanitario Elettronico e, a livello internazionale, dai modelli di patient empowerment attraverso l’utilizzo di sistemi di Personal Health Record (PHR).

Fonte: Ufficio Stampa PAT

Comments

comments