Uomo perde una mano dopo aver mangiato pesce crudo

Ad un uomo di 71 anni in Corea del Sud è stato amputato l’avambraccio sinistro dopo aver sviluppato febbre e dolori lancinanti sulle sue mani. Il tutto è avvenuto dopo aver mangiato del pesce crudo. Il paziente senza nome, che aveva una storia di diabete di tipo 2, ipertensione e che stava affrontando una malattia renale allo stadio terminale, ha sviluppato grandi vesciche sul palmo della mano sinistra, che si sono diffuse rapidamente al resto della mano.

In un caso clinico pubblicato dal New England Journal of Medicine, l’infezione è stata identificata come vibrio vulnificus, e i chirurghi hanno tentato di estrarlo e trattarlo con diversi antibiotici.

La vibriosi causa circa 80.000 malattie e 100 decessi negli Stati Uniti ogni anno, secondo quanto riferito dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Oltre a mangiare pesce crudo o poco cotto, i pazienti possono anche contrarre l’infezione esponendo una ferita all’acqua di mare.

Le misure preventive comprendono il lavaggio accurato delle mani dopo aver maneggiato i frutti di mare crudi e l’assenza di acqua salmastra o salata in caso di ferite aperte. Il rapporto, che non ha rivelato un lasso di tempo per il caso del paziente senza nome, ha osservato che la sua storia medica lo ha lasciato a un rischio particolarmente elevato di infezione.

Nonostante i trattamenti, le vescicole sono passate alle ulcere profonde e l’infezione si è diffusa lungo il suo braccio. Da qui la decisione di procedere con l’amputazione.