Legionella in Trentino. Degasperi (M5S): “Puntare su seria prevenzione”

Il problema dei due casi di legionella ad Andalo (di cui uno mortale) si sta dimostrando molto più grave nelle sue conseguenze sanitarie di quanto fosse prevedibile. Ad intervenire nella vicenda il Consigliere provinciale del M5S Filippo Degasperi che ha pubblicamente affermato che: “L’intervento della magistratura è necessario al fine di verificare se quanto stabilito nel 2015 sulle “linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi” sia stato seguito scrupolosamente per ogni caso di legionella registrato in Trentino”.

Degasperi poi pone attenzione sulla necessità di procedere alla nomina di un nuovo direttore del Dipartimento di prevenzione, al fine di studiare al meglio il fenomeno. Il candidato Presidente per il M5S ha a riguardo affermato infatti che: “Tra poco il direttore del Dipartimento di prevenzione andrà in pensione. Questo episodio di legionellosi, assieme al problema dei vaccini, impone la scelta del nuovo direttore sulla base della meritocrazia, delle conoscenze documentate, nell’interesse della popolazione”.

“Come MoVimento 5 Stelle – continua e conclude Degasperi – abbiamo presentato un’interrogazione per capire se i gestori della struttura ricettiva in cui si sono verificati gli ultimi due casi di infezione da legionella abbiano adottato le misure preventive disposte dalla normativa nazionale. Tra gli altri quesiti, chiediamo se anche i gestori delle strutture ricettive dei casi che si sono verificati nel 2017 e nel 2018 abbiano adottato le medesime misure”.