Ad Avio la finalissima del Palio Nazionale delle Botti tra Città del Vino

2008-2019: dopo 11 anni ritorna ad Avio la finalissima del Palio delle Botti tra Città del Vino, divertente competizione itinerante nata da un’idea dell’Associazione Nazionale Città del Vino.

Una richiesta approvata con gioia – come specifica il Presidente dell’Associazione Nazionale Città del Vino Floriano Zambon nella lettera in cui si comunica la notizia al Sindaco di Avio Federico Secchi – considerando le capacità organizzative e di accoglienza che da sempre contraddistinguono la vostra festa“.

L’appuntamento è per domenica 8 settembre 2019, per la precisione nella frazione di Sabbionara, in occasione della 19° edizione di Uva e dintorni, manifestazione enogastronomica e storico-culturale che propone tre giorni di festa dal sapore medioevale tra spettacoli e corti gastronomiche, ma anche incontri di approfondimento a tema vino. Un grande evento organizzato dall’omonimo comitato con il supporto della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito del coordinamento delle manifestazioni enologiche provinciali marcate dall’hashtag #trentinowinefest.

In effetti Uva e dintorni è una manifestazione che attira ogni anno circa 20.000 visitatori nella cittadina della Vallagarina, offrendo un programma davvero completo di intrattenimento adatto a tutte le età e a tutti i gusti. La competizione del Palio della Botte, in particolare, è fortemente sentita e richiama numerosi spettatori da fuori provincia, soprattutto tifosi delle altre città in gara.

Qui infatti sono ben quattro le prove con cui sono chiamati a misurarsi gli atleti. Oltre alla tradizionale spinta della botte lungo le vie del centro, valida ai fini della classifica generale nazionale, vi sono infatti altre tre competizioni: lo slalom femminile con le botti, la pigiatura dell’uva scalzi e il riempimento della botte, che si conclude tradizionalmente in un bagno collettivo.

Sarà per la cornice suggestiva che consente di rivivere agli ospiti le antiche tradizioni del territorio, sarà perché alla classica prova della spinta della botte qui ad Avio si affiancano altre tre performance altamente coinvolgenti, fatto sta che la competizione si trasforma sempre in una grande festa collettiva che fa venire voglia di ritornare di anno in anno“, commenta il Sindaco Federico Secchi.

Lo stesso, oltre a ringraziare l’Associazione Città del Vino per la fiducia accordata, che implica l’anticipazione della finalissima di circa un mese rispetto al calendario tradizionale, ricorda che “Senza il Comitato Uva e dintorni col suo Presidente Walter Pericolosi, i tanti volontari circa 400 persone che rappresentano quasi il 10% della nostra collettività le istituzioni e gli sponsor privati che in questi anni hanno creduto nell’evento questo successo non sarebbe stato certamente possibile“.