Cassazione: niente ritiro della patente per ebbrezza senza taratura etilometro

Importante sentenza della Cassazione sulla “guida in stato d’ebbrezza”. Da oggi se dell’etilometro non vengono riportati nel verbale i dati di omologazione e taratura, viene “stoppata” la sospensione della patente e ogni sanzione conseguente.

In caso di assenza di questi due dati, la Cassazione ritiene nullo il verbale, perché è nel regolamento d’esecuzione del Codice della Strada prevedere le verifiche presso il CSRPAD del Ministero dei Trasporti. È dunque interesse dell’accertatore dimostrare di aver svolto tutti gli adempimenti, poiché fatti costitutivi della pretesa sanzionatoria.

La certezza del diritto, difatti, sussiste quando gli strumenti elettronici che accertano un determinato delitto sono sottoposti a omologazione, controlli e verifiche periodiche, anche per osservare il lavoro della Pubblica Amministrazione in fatto di controlli.

Secondo Giovanni D’Agata, Presidente dello Sportello dei Diritti, è importante che questa decisione si astata presa dalla Cassazione, esplicando in modo del tutto condivisibile quei principi di diritto che dovrebbero essere i fari delle operazioni di accertamento nei controlli stradali tramite etilometro.

La decisione viene presa pochi giorni dopo quella riguardante l’annullamento delle multe emesse per eccesso di velocità quando l’autovelox non viene correttamente segnalato o comunque senza il necessario preavviso. Un segnale importante di interesse verso i diritti degli automobilisti.