COSA CHIEDONO LE FEMEN. E DI COSA HANNO BISOGNO

0
17

Ammetto di non essere riuscito ancora a capire cosa vogliano esattamente le Femen. Mi spiego: è chiaro che la protesta di questo movimento è antireligiosa e sovente anticristiana: ma d’ateismo e anticristianesimo, francamente, in giro se ne vedeva abbastanza anche prima. E’ chiaro anche come le Femen incoraggino le discriminazioni che in teoria avversano, come dimostra il fatto che per farvi parte occorre  essere giovani, magre, di aspetto gradevole e superare appositi e duri provini. Ma pure di nuove discriminazioni, evidentemente, nessuno sentiva il bisogno.

Così come non s’avvertiva alcun bisogno di donne nude generosamente pagate per protestare con una quota di circa 1.000 euro al giorno, comprensivi di albergo, cibo, taxi e biglietti: ci pensano già le prostitute, purtroppo, a protestare a pagamento contro la loro dignità. Ma forse questo devono averlo capito le stesse Femen, come dimostra il fatto che come portavoce francese abbiano scelto Eloise Bouton, prostituta molto rinomata negli ambienti parigini. Siamo dunque nuovamente al punto di partenza: cosa vogliono le Femen? La cosa evidente è che fanno il possibile per attirare attenzione e telecamere affinché si parli di loro.

Ma neppure di sfrenata ambizione, specie ultimamente, c’era particolare penuria, anzi. Per questo, anche se rimane poco chiaro cosa davvero vogliano le aderenti a questo movimento, è invece evidente di che cosa hanno bisogno. Hanno bisogno di capire che sbagliano, che per pochi minuti di nuda celebrità sacrificano la dignità loro ed offendono quella altrui, e che se pensano che cervello e cuore siano l’essenza di ogni persona, è con cervello e cuore che devono conquistarsi rispetto. Viceversa, una donna che ricorre all’esibizione del proprio corpo per chiederne rispetto è tutto tranne che seria. E, a ben vedere, tutto tranne che una vera donna.

Giuliano Guzzo

Comments

comments