COSTA CONCORDIA. SCHETTINO DEVE DIRE LA VERITA’ ENTRO SEI GIORNI

0
27

Domnica Cemortan, la moldava che era in plancia di comando nella maledetta notte del naufragio della Costa Concordia all’Isola del Giglio, lancia un ultimatum al comandante Francesco Schettino. Infatti Il 24 settembre è il giorno in cui, come riporta il settimanale “Oggi”, sulla sua pagina Facebook scrive in inglese: “Francesco Schettino, ti do sei giorni per dire la verità su quello che è successo immediatamente dopo aver dato l’annuncio di abbandono della nave. Solo sei giorni!”. Domnica non aggiunge altro. Ma lascia intendere che al processo non è stato detto tutto.

Dopo aver dato l’annuncio di abbandono della nave, quel tragico 13 gennaio 2012 Schettino sarebbe salito al ponte 11 della Concordia proprio con Domnica e il maitre Ciro Onorato, per controllare la dritta della nave. “Ma cosa siamo andati a fare lassù?” dice Domnica. “Il comandante dice che doveva controllare il lato a dritta della nave, quello verso l’isola. Siamo sicuri che la racconti giusta? Per vedere le condizioni della Concordia non aveva bisogno di salire al ponte 11. Poteva farlo uscendo dalle alette sulla plancia comando, che sono fatte apposta per avere una visione sull’esterno della nave”. Il suo ultimatum scadrà il 30 settembre e fino a quel giorno non intende parlare. Mancano ancora due giorni.

Comments

comments