GIORNALI SCOMODI SOTTO ATTACCO. GRILLO: “SERIAL KILLER DELLA DISINFORMAZIONE”

0
32

Il leader del Movimento 5 Stelle proclama un nuovo decreto contro la stampa nazionale: nell’occhio del ciclone, questa volta, finiscono La Nazione e La Repubblica, definiti  “quotidiani serial killer della disinformazione”.

 Il casus belli, questa volta, è il mancato spazio riservato al M5S sulle due testate giornalistiche , in particolare per quanto concerne le copie del 10 Gennaio.  Sono incriminati due grafici: il primo, quello de La Nazione, nel quale il M5S è compreso sotto la dicitura « altri ». Il leader genovese definisce quindi l’accaduto come un modo per far sparire la forza politica “senza far rumore”. L’altro grafico, de La Repubblica (edizione Milano), riguarda invece la cifra dei rimborsi spettanti al M5S, in cui solo a caratteri minuscoli, è specificato che quei soldi « non siano mai stati utilizzati », inducendo il lettore in errore, che potrebbe dunque non far caso – secondo Grillo – del « minuscolo asterisco che rimanda a una nota ancora più minuscola che recita: rimborsi non utilizzati per decisione di M5S  ». Il leader dunque invita i lettori del suo blog a non comprare più questi serial killer della disinformazione, « colpendoli dove più fa male », ossia nel portafoglio.

 Non sono tuttavia La Nazione e La Repubblica i soli ad essere nel mirino di Grillo. C’è anche, ancora una volta, Silvio Berlusconi. Sottolinea infatti, la necessità di togliere « le concessioni radiotelevisive alle sue aziende » . Continua sul suo blog scrivendo che « Non è ammissibile che delle concessioni dello Stato siano assegnate a un condannato per truffa fiscale. Neppure in questa Italia delle banane ». Decisamente non si tratta di accuse lasciate senza alcuna risposta; il senatore Vincenzo Gibiino , coordinatore di Forza Italia in Sicilia, ha prontamente invitato il « comico-despota a trovare pudore nel silenzio ».

Andrea Gelich

Comments

comments