Migranti, barcone con 100 persone alla deriva: Sea Watch va in soccorso

migranti di Chris Mcgrath

È ancora aperto il dibattito politico legato ai naufragi che hanno visto circa 120 migranti morti nel fine settimana. Ma il tema è destinato ad alimentarsi, visto che un altro barcone con 100 persone a bordo – di cui 20 tra donne e bambini, è in avaria nel Mediterraneo.

Le autorità libiche, dopo aver ignorato l’SOS lanciato, avrebbero inviato un mercantile in assistenza. A raggiungere il barcone è stato anche inviato un aereo della missione europea. La situazione a bordo sembrerebbe drammatica, a causa del freddo e dell’acqua imbarcata dal barcone.

Leggi anche: “Migranti, recuperate e riportate in Libia 393 persone”, compresi i 100 migranti che avevano lanciato diversi SOS inizialmente non ascoltati

In soccorso sembra sul punto di giungere anche la nota nave Sea Watch, che già stava trasportando 47 persone salvate dal naufragio di sabato. “Siamo a 15 ore di distanza, non possiamo coprire da soli il Mediterraneo, dove vengono lasciate morire delle presone” accusa l’ONG.

Il Mediterraneo – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Dirittiè ormai sguarnito di soccorsi e continua ad essere battuto dagli scafisti, pronti a traghettare migranti dall’Africa in Italia. Con i viaggi della speranza sono naturalmente riprese le tragedie in mare anche se il traffico è rallentato“.

La possibilità che i viaggi della speranza siano ripresi a causa dell’apertura dei porti da parte di Malta nel corso della crisi di qualche settimana fa non è da considerarsi remota, secondo altri esperti del settore.