Perché il manifesto dell’Associazione ProVita indigna

0
879

Lo scandalo politico e non solo generato dal maximanifesto, 7 metri per 11, dell’associazione ProVita che ritrae un feto nel grembo materno era del tuttoprevedibile. Non perché l’immagine in sé abbia qualcosa di violento, proprio come non lo ha il messaggio che incornicia l’immagine, «tu eri già così a 11 settimane…e ora sei qui perché tua mamma non ti ha abortito», ma perché la cultura abortista da cui oggi tutti, purtroppo, siamo in qualche modo contaminati ha il suo punto di forza nella sistematica rimozione del protagonista di quel manifesto: il figlio concepito.

Fateci caso: non è possibile discutere dell’aborto procurato senza ritrovarsi subito a parlare degli aborti clandestini che c’erano prima della legge 194, di quanto cattivi sono i cattolici contrari alla libertà delle donne, della contraccezione, di quanto «oscurantismo» ci sia ancora in giro, e via di discorrendo. Della prima vera vittima dell’aborto – il figlio, appunto – però non si parla mai. Capita così che parlando di aborto ci si ritrovi puntualmente a trattare tutta una serie di temi – i diritti civili, il Medioevo, l’autodeterminazione -, che però deviano dal fatto abortivo in sé.

Ora, qui non si tratta – si badi – di giudicare il vissuto di nessuno. Qui il punto è una verità negata: l’esistenza di un essere umano che la cultura dominante ostinatamente ignora. Ed è per questo che l’iniziativa di ProVita dà fastidio: perché ricorda ciò che nessuno di noi, o quasi, accetta di sentirsi dire, e cioè che prima del parto abbiamo a che fare con un soggetto che risponde a stimolazioni esterne già a 20 settimane (Arch Dis Child.1994;71(2):F81-7), e che a 29 ha una facoltà uditiva (Early Hum Dev.2000;58(3):179-95), al punto da far registrare variazioni cardiache quando ascolta la voce della madre (Dev Sci.2011;14(2):214-23).

Si tratta pertanto di qualcuno che, nel grembo materno, già intrattiene una vita relazionale (Neuroendocr. Lett.2001;22:295–04), capace di memorizzare fra le altre proprio la voce di sua madre (Acta Paediatr.2013;102(2):156-60). Qualcuno con un’esistenza di ritmi giorno-notte (Semin Perinatol.2001;25(6):363-70) e provvisto di una sua memoria (Neurorep.2005;16(1):81-4). Qualcuno, come noi, in grado di sperimentare il dolore (Semin Perinatol.2007;31(5):275-82; Anesthes.2001;95(4):828-35). Lo scandalo, insomma, non è ciò che il manifesto di ProVita ricorda, ma quel che una società moralmente indifferente all’aborto continua a dimenticare.