Anche il Sindacato di Polizia FSP si schiera a difesa della Lega di Salvini e sopratutto si schiera contro chi commette: “Un attacco vile contro la sede della Lega di Treviso. Un atto vile che lo giudichiamo come un attacco contro la democrazia del nostro Paese”.

La speranza per gli uomini del Sindacato di Polizia è che “ben presto vengano assicurati alla giustizia i responsabili di questo atto intimidatorio nei confronti di una forza di governo. Chi pensa e crede di voler imporre le proprie idee con questi atti criminali deve essere messo nelle condizioni di non nuocere e quindi di starsene in galera per un bel periodo”.

Ad avviso del Sindacato di Polizia si tratta, presumibilmente, di soggetti che “si “dilettano” a scagliarsi contro le forze dell’ordine durante le manifestazioni di piazza. Per questo auspichiamo che il ministro Salvini, porti in parlamento la nostra proposta di legge per introdurre nel nostro ordinamento il reato di “terrorismo tramite la piazza”, una proposta di legge che era stata presentata nella scorsa legislatura dalla senatrice Erika Stefani ora ministro dell’attuale governo. Una proposta di legge che era stata adottata anche dal consiglio regionale del veneto l’anno scorso. La criminalità va arrestata e tenuta dentro”.