YAHOO! CHIUDE LE FRONTIERE A FACEBOOK E GOOGLE

0
23

Oramai si da per scontato che tutti, o quasi, abbiano un account registrato sui maggiori Social Network, ed è per questo che tantissime applicazioni hanno deciso tempo addietro di non imporre ai loro “clienti” di creare un account solamente per loro, ma bensì di poter accedere dando le credenziali di Facebook o Google. 

Ma il colosso Yahoo! non ci sta : si è stancato di questo monopolio dei dati e ha deciso di non permettere più l’accesso agli utenti a meno che non si creino un ID Yahoo!.

Questa mossa è stata decisa dall’amministratore delegato in carica dal luglio 2012, Marissa Mayer, e sostiene che sia in linea con i cambiamenti promessi dalla società : pare dunque che tutto ciò sia stato deciso per rivitalizzare e capitalizzare molti servizi del sito e per far si che Yahoo! diventi una piattaforma indipendente.Questa nuova strategia è in totale disaccordo con quella adottata dal precedente amministratore, Carol Bartz : infatti la possibilità di accede a una moltitudine di applicazioni senza creare ulteriori account  , oltre a evitare un dispendio di tempo inutile, fa si che i dati personali non si spargano ovunque.

La società californiana fondata nel 1994 e localizzata in 25 nazioni oltre ad adottare una strategia più aggressiva per quanto riguarda l’utilizzo dei dati personali ultimamente ha acquisito ben 30 aziende da Sparq a Stamped, da Jybe a Summly,  da Xobni a Tumblr ( pagata 1,1 miliardi di dollari ).

Il nuovo piano d’attacco pare che porterà a una crescita del fatturato nel 2014 secondo il CEO  Mayer, con acquisizioni chiave come la già citata Tumblr e il lancio di nuove applicazioni mobili come Yahoo! News Digest. Un’altra mossa che sembra aver fatto centro è stata l’acquisizione di Vizify : un app che dal 2011 cattura dati social da servizi come Facebook e Twitter per creare visualizzazioni, infografica e video consumer-friendly . L’acquisto della start-up è stata rivelata dal gruppo con sede a Portland, anche se non sono ancora stati diffusi i  dettagli dell’accordo : ma sul loro sito  intanto si legge “Abbiamo iniziato Vizify nel 2011 con la visione di trasformare le informazioni che tutti consumiamo e creiamo ogni giorno in qualcosa di più bello e personale. “

Sembra dunque che la tattica della ex veterana di Google Marissa Mayer abbia futuro : ma i risultati delle sue capacità si erano già potuti notare nel luglio 2013, quando secondo i dati Comscore, aveva attirato ben 196,6 milioni di visitatori unici sul mercato americano e Google “solamente” 192,3.

Cecilia Capurso

Comments

comments