2018 CEV Champions League, stasera al PalaTrento Trentino Diatec-Zaksa Kedzierzyn

0
261

Dopo quasi un mese di assenza, la 2018 CEV Volleyball Champions League torna in campo al PalaTrento. Stasera nell’impianto di via Fersina si giocherà lo scontro al vertice della Pool E (Main Phase) della più importante rassegna continentale per club: la Trentino Diatec affronterà i Campioni di Polonia dello Zaksa Kedzierzyn-Kozle. Fischio d’inizio programmato per le ore 20.30.

QUI TRENTINO DIATEC – Il penultimo impegno della fase a gironi del torneo offre una ghiotta occasione ai gialloblù; in caso di vittoria al massimo in quattro set, Lanza e compagni conquisterebbero infatti matematicamente il primo posto finale della Pool E con una giornata d’anticipo. Riuscirci  non sarà però affatto impresa semplice, tenendo conto della sconfitta al tie break in Polonia nella gara d’andata e dei ritmi frenetici del calendario trentino, che vedrà la squadra giocare già la quinta partita in questo mese di febbraio.

“E’ una gara decisiva per l’assegnazione del primo posto del girone e con questo spirito andrà affrontata – ha spiegato l’allenatore Angelo Lorenzetti – . Dopo il match d’andata perso al tie break abbiamo l’occasione per riscattarci e compiere un passo importante verso i Playoffs 12 ma sappiamo che non sarà per nulla semplice perché ci troveremo di fronte ad un avversario forte, che è primo non per caso in un campionato importante come quello polacco”.

L’allenatore della Trentino Diatec avrà a disposizione l’intera rosa di tredici giocatori e rifinirà la preparazione fra questa sera e mercoledì mattina con le ultime due sessioni di allenamento tecnico-tattico ancora a disposizione prima dell’appuntamento. Trento-Kedzierzyn-Kozle sarà la quarantanovesima partita europea casalinga della storia di Trentino Volley, la trentaquattresima di sempre in Champions League al PalaTrento, dove sino ad ora ha ottenuto trenta vittorie e tre sole sconfitte: una di queste però è riferita proprio ad una sfida contro lo Zaksa (al tie break, il 14 dicembre 2011). Sempre restando in tema di numeri, per la Società di via Trener quella con i polacchi sarà la 142a partita internazionale di sempre, la 109a in ambito europeo, la 79a in Champions League.

GLI AVVERSARI – Lo Zaksa Kedzierzyn-Kozle fa capolino per la quarta volta nella sua storia al PalaTrento con la necessità di mettersi alle spalle un periodo non particolarmente favorevole della propria annata. Nonostante continuino a dettare legge nella PlusLiga, il campionato polacco condotto con dieci punti di vantaggio su Varsavia seconda, i biancorossoblu recentemente hanno infatti fallito il primo appuntamento importante in patria venendo eliminati dal Gdansk in semifinale di Coppa Nazionale e due settimane fa a Maaseik hanno dovuto fare i conti con la prima sconfitta stagionale in Champions League. Il ko al tie break ha tolto il primato della Pool alla squadra di Andrea Gardini, che per riconquistarlo dovrà necessariamente vincere mercoledì sera. Il Capitano dei tre successi iridati della Nazionale Italiana (1990, 1994 e 1998) in questa occasione disputerà fra l’altro la prima partita ufficiale in patria della sua carriera di allenatore, ma ancora non sa se potrà utilizzare in posto 4 il belga Deroo. L’ex martello di Modena e Verona ha rimediato proprio sabato scorso una distorsione alla caviglia durante il 3-0 casalingo sul Lubin e rischia di non giocare il match.

La rosa dello Zaksa Kedzierzyn-Kozle: 1. Pawel Zatorski (l), 2. Krysztof Bienkowski (p), 3. Rafal Szymura (s), Krzysztof Rejno (c), 5. Marco Falaschi (p), 6. Benjamin Toniutti (p), 7. Rafal Buszek (s), 8. Slawomir Jungiewicz (o), 9. Lukasz Wisniewski (c), 10. Mateusz Bienek (c), 11. Maurice Torres (o), 12. Krzysztof Zaplacki (s), 13. Kamil Semeniuk (s), 15. Sam Deroo (s), 17. Aleksander Maziarz (c), 18. Korneliusz Banach (l). Allenatore Andrea Gardini.

LA SITUAZIONE DELLA POOL E – Trentino Diatec e Zaksa Kedzierzyn-Kozle al comando della classifica del girone grazie a tre vittorie in quattro partite; i gialloblù sono però davanti ai polacchi grazie ad un maggior numero di punti totalizzati (10 contro 9). Con due vittorie insegue poi il Noliko Maaseik (4 punti), mentre ancora al palo c’è l’Arkas Izmir (1 punto), che affronterà in Turchia i belgi nella stessa serata (fischio d’inizio alle ore 17 italiane).  Nella sesta ed ultima giornata, in programma mercoledì 28 febbraio, spazio a Trentino Diatec-Noliko e Zaksa-Arkas. Le prime due classificate di ognuna delle cinque Pool e le migliori due terze accedono ai Playoffs 12.

I PRECEDENTI – Quello di mercoledì sarà l’ottavo confronto assoluto fra le due società; lo Zaksa è l’avversario polacco sfidato il maggior numero di volte: in tutto sette, in una statistica che parla di diciassette partite complessive contro cinque avversari differenti. Oltre a Kedzierzyn-Kozle, in archivio la Società di via Trener vanta precedenti pure con Belchatow (4), Cszestochowa (2), Rzeszow (2) e Jastrzebski (2). Il bilancio totale contro formazioni polacche è decisamente positivo grazie a quattordici vittorie ed appena tre sconfitte, due di queste però rimediate proprio contro lo Zaksa. La prima poco più di sei anni fa (14 dicembre 2011, punteggio di 2-3 al PalaTrento) nel primo confronto assoluto fra le due squadre (anche in quel caso fase a gironi di Champions League) e la seconda proprio lo scorso 20 dicembre in Polonia (per 3-2, parziali di 18-25, 24-26, 25-23, 25-16, 15-12) nel match d’andata di questa Pool E. Gli altri due match casalinghi con Kedzierzyn-Kozle si sono conclusi favorevolmente per i gialloblù: per 3-0 quello del 14 novembre 2012 e per 3-1 quello del 28 marzo 2015.

GLI ARBITRI – La gara sarà diretta da Juray Mokry, primo arbitro slovacco proveniente da Martin, e dal bulgaro Konstantin Yovchev, secondo arbitro di Sofia. L’unico dei due a vantare precedenti, fra l’altro particolarmente prestigiosi, è Mokry, che ha diretto Trento-Salonicco 3-1 del 4 aprile 2009 (finale di Champions League a Praga), Trento-Mosca 3-0 del 17 dicembre 2009 e Trento-Kazan del 27 marzo 2011 (finale di Champions League a Bolzano).

Comments

comments