L’A.S. Roma ieri sera è riuscita nell’impresa storica di qualificarsi alle semifinali di Champions League eliminando il Barcellona dopo aver perso l’andata dei quarti di finale per 4-1.

La squadra capitolina ha regolato la più quotata compagine spagnola con un netto 3-0, grazie alle reti di Edin Dzeko, Daniele De Rossi e Kostas Manolas. Al triplice fischio del francese Turpin, la tensione data dalla delicatezza dell’incontro ha lasciato spazio alla gioia sfrenata per l’impresa appena compiuta.

Le celebrazioni per la vittoria sono iniziate allo stadio Olimpico con giocatori e tifosi in tripudio per aver dominato una delle squadre di più forti d’Europa. Successivamente la festa si è spostata per le strade della città, dove il popolo giallorosso ha continuato a festeggiare fino a tarda notte.

Incredibilmente ai caroselli dei tifosi si è unito anche il presidente  americano dell’A.S. Roma James Pallotta, che invitato dai suoi tifosi, si è unito al festoso corteo arrivando a tuffarsi nella fontana di Piazza del Popolo per solennizzare l’impresa dei suoi ragazzi.

(credit: laroma24)

Mentre il presidente giallorosso si lasciava andare con i suoi tifosi, l’allenatore Eusebio Di Francesco durante la conferenza stampa post partita, ha dichiarato di aver sempre creduto nella possibile rimonta e di come la Roma ora non possa più nascondere le ambizioni di vittoria finale. Nonostante abbia ammesso di pensare solamente al delicato derby con la Lazio di domenica sera, ha aggiunto di ambire a raggiungere la finale di Champions League in programma il prossimo maggio a Kiev.