Il Lecco interrompe la striscia positiva del Trento

La conclusione di Roselli e la prodezza di Cristofoli condannano il Trento alla sconfitta: il Lecco segna due volte nella ripresa ed espugna il “Briamasco” al termine di un match sostanzialmente equilibrato e molto tattico, deciso dagli episodi. Dopo lo svantaggio ad inizio secondo tempo, i gialloblù vanno vicini al pareggio con Bardelloni, ma nel finale incassano la marcatura che chiude la contesa. Gli aquilotti rimangono a quota 32 punti e vengono distanziati dallo Scanzorosciate, con la salvezza diretta distante ora due lunghezze. Domenica prossima trasferta in terra bresciana per affrontare la capolista Rezzato.

Live match.

Mister Filippini, squalificato per un turno e sostituito in panchina dal “vice” Quartuccio, si affida allo stesso undici che domenica scorsa ha impattato sul campo del Darfo Boario con Bertaso in cabina di regia e la coppia Bardelloni – Zecchinato in avanti.
Si gioca davanti ad un folto pubblico con nutrita e rumorosa rappresentanza ospite. Il Lecco parte forte ma il Trento ribatte colpo su colpo. All’ 8′ Kostadinovic è provvidenziale in area su Bignotti e, tre minuti dopo, il duello si ripete con il difensore gialloblù ancora decisivo. Il Trento mette fuori il naso al 14′ con Furlan che cerca i pali con una botta dal limite dell’area, ben respinta dall’attento Nava. Al 17′ altra sortita offensiva della squadra di casa: prima l’insidioso corner di Bertaso viene sventato con difficoltà dall’estremo difensore lombardo e, sul prosieguo dell’azione, il centrocampista aquilotta cerca l’incrocio dei pali con un sinistro a giro che si perde alto di pochissimo. Nel primo tempo, di fatto, non accade più nulla con i due portieri che si devono limitare all’ordinaria amministrazione.

Pronti – via nella ripresa e il risultato si sblocca con il Lecco che passa a condurre dopo appena tre minuti: conclusione dal limite dell’area di Roselli, Festa non è impeccabile e la sfera carambola in rete. Entra Toscano per l’infortunato Carella e il Trento prova a spingere: al 64′ Zecchinato ci prova direttamente su calcio piazzato ma Nava alza oltre la traversa, mentre dieci minuti più tardi il pallonetto di Bardelloni supera il portiere, ma Luoni salva sulla linea di porta.