SABATO ALLO STADIO DEI MARMI LA NUOVA “EDISON RUGBY SCHOOL AREA”

0
28

FIR ed Edison insieme al 6 Nazioni, in campo e fuori: la società energetica più antica d’Europa, il cui marchio da sabato 7 febbraio prende posto sulla schiena degli Azzurri impegnati allo Stadio Olimpico, è al fianco del rugby italiano anche nella promozione in prima linea dello sport tra gli italiani.

In occasione della grande festa del Terzo Tempo Peroni Village che come sempre arricchirà l’esperienza del pubblico nel giorno della sfida tra Italia ed Irlanda allo Stadio Olimpico, primo appuntamento dell’RBS 6 Nazioni 2015, la Federugby ed Edison offriranno ai più giovani tra gli appassionati l’opportunità di  provare in modo divertente le situazioni caratterizzanti del gioco del rugby nel nuovo parco tematico “Edison Rugby School Area” dello Stadio dei Marmi dove dalle 10 alle 14.30, con l’assistenza di istruttori specializzati, si potrà placcare, passare, calciare tra i pali o provare l’emozione di una rimessa laterale.

Un momento unico, riservato agli studenti di elementari, medie e licei ed ai giovani tesserati tra i 6 ed i 16 anni, per coinvolgere e divertire tutta la famiglia, che metterà in palio per quindici fortunati scelti tra i presenti l’esclusiva possibilità di pranzare con gli atleti della Squadra Nazionale in raduno a marzo al “Giulio Onesti” giovedì 12 marzo in vista della sfida alla Francia e mercoledì 18 marzo, prima dell’appuntamento conclusivo del Torneo contro il Galles.

L’attività sviluppata insieme ad Edison – ha dichiarato il Responsabile Eventi della FIR, Pier Luigi Bernabò – aggiunge un nuovo contenuto originale all’esperienza che vogliamo offrire al pubblico dell’RBS 6 Nazioni, facendo diventare protagonisti attivi e fidelizzando i fans più giovani. Un messaggio coerente con la volontà di condividere  con i nostri partner le attività che possono contribuire ad alimentare l’atmosfera di piacere che caratterizza il 6 Nazioni a Roma”. 

Una nuova opportunità, per i giovani fans Azzurri, di vivere realmente il fascino del Torneo INSIEME ai propri beniamini, rafforzando al tempo stesso il legame che lega il rugby italiano al mondo della scuola.

Comments

comments