Finisce la Serie A, si salva il Chievo e l’Inter chiude con l’ultima pazzia

I Neroazzurri vincono 3-2 in rimonta contro la Lazio e "si aggiudicano" la Champions. Retrocede il Crotone

0
2930

Sembrava l’inizio di un incubo. Prima la sconfitta interna contro il Sassuolo, poi l’autogol di Perisic dopo appena nove minuti, invece l’Inter è davvero tornata in paradiso, in quella Champions che tanto è mancata a dirigenza, giocatori e tifosi, grazie ad una prova di forza, carattere e determinazione da parte dei ragazzi di Spalletti.

Dopo essere andati in doppio svantaggio all’olimpico, contro una Lazio straripante, i nerazzurri si impongono per 3-2 (grazie ad un gol di Vecino) all’81º, nello spareggio decisivo per il quarto posto, facendo così esplodere di gioia un popolo che da troppo tempo viveva di delusioni recenti e dolcissimi ricordi passati.

L’Inter dunque torna finalmente, dopo sei lunghissimi anni, nella Coppa dalle grandi orecchie: una stagione dunque che si conclude in modo molto positivo, con la speranza e consapevolezza che per il prossimo anno la squadra può tornare anche a competere per altri obiettivi.

Malgrado l’impegno la Lazio dunque si accontenterà di un quinto posto: un piazzamento che sa di vera e propria beffa per la squadra di Simone Inzaghi, che dopo aver proposto per tutto il campionato un bellissimo gioco incentrato soprattutto sul magnifico rendimento offensivo (anche al netto di qualche episodio arbitrale dubbio nel corso della stagione), deve recriminare ai suoi ragazzi la mancanza di compattezza, oltre allo spirito di sacrificio e di abnegazione nelle sfide dove c’erano da portare a casa i tre punti.

Tutti decisi anche i posti per l’Europa League, dopo Atalanta – Milan di settimana scorsa, con i Rossoneri che si confermano al sesto posto, strapazzando per 5-1 in rimonta la Fiorentina a San Siro e con la Dea che farà i preliminari nonostante la sconfitta a Cagliari per 1-0.

Lazio ed Inter però non era la sola sfida valida per le sorti del campionato. Il discorso salvezza comprendeva la bellezza di cinque squadre: Chievo Verona, Udinese, Cagliari, Spal e Crotone. Ad avere la peggio, tra queste, è stato proprio il Crotone, che sulla carta aveva anche la sfida più difficile, dovendo andare a giocarsi tutto sul campo del Napoli, che si impone per 2-1 grazie alle Reti di Milik e Callejon entrambe nel primo tempo.

Gli altri risultati sono: Genoa-Torino 1:2 Chievo-Benevento 1:0 Spal-Sampdoria 3:1 Udinese-Bologna 1:0 Sassuolo-Roma 0:1 Juventus-hellas Verona 2:1 ( giocata sabato ). Per la Spal è la prima storica permanenza in A, dopo la rifondazione avventura tra il 2005 ed il 2012.

Per il Chievo è la 16ª permanenza in A nelle ultime 17 stagioni, praticamente da quando è arrivato nella massima serie, tranne nella stagione 2007/08 non l’ha più abbandonata. Verona dunque sarà l’unica città ad avere una squadra a rappresentarla nei primi 3 campionati di categoria, Chievo ( A ), hellas ( B ) e Virtus ( C ).