IL 31% DEGLI ITALIANI NON PROTEGGE I DISPOSITIVI

0
21

Secondo un’inchiesta condotta da Kaspersky Lab in collaborazione con B2B International, il 31% degli italiani intervistati che condividono un dispositivo connesso a Internet con parenti, colleghi o amici non prende alcuna precauzione per proteggere le proprie informazioni (32% la media europea). Essi non vedono alcun rischio nel condividere questi dispositivi, anche se ciò può incrementare significativamente le probabilità di perdita o furto delle informazioni archiviate. Infatti, più persone usano lo stesso dispositivo, maggiore è la probabilità che una di loro commetta un errore o cada in un tranello dei cybercriminali.
Accade spesso che chi possiede computer, smartphone o tablet, non sia l’unica persona a utilizzarli per accedere a Internet: più di un intervistato su tre (38% in Italia, 32% media europea) ha dichiarato, infatti, di prestare a terzi i propri dispositivi. Guardando alle persone a cui si è più disposti a prestarli i risultati italiani non si discostano significativamente da quelli europei: il 33% degli intervistati condivide i propri dispositivi con i propri familiari, il 5% li fa utilizzare addirittura ai bambini, mentre nessuno li presterebbe a colleghi e amici. È da notare che questo si applica ai dispositivi più comunemente utilizzati per accedere a Internet, il che significa che è più probabile che contengano informazioni di valore, come nomi utente e password per i login.
Non proteggere un dispositivo utilizzato da più persone è estremamente pericoloso – nessuno può essere del tutto sicuro che gli altri utenti siano sufficientemente consapevoli delle minacce informatiche: un utente poco esperto potrebbe cadere nella rete dei truffatori o scaricare un file eseguibile dannoso. Al contempo, il 31% degli intervistati che condividono i propri computer, smartphone e tablet non prende alcuna misura di sicurezza perché “non ritiene ci siano dei rischi”. Solo il 24% degli utenti italiani (38% media europea) fa copie di backup dei dati importanti prima di condividere un dispositivo, il 31% protegge le informazioni tramite password e il 18% evita di archiviare informazioni sensibili su questi dispositivi.
“Condividere un computer o uno smartphone aumenta il rischio di infezione malware, perdita di dati o furto di account ed è quindi importante prendere delle precauzioni: tenere sempre copie di backup dei file sensibili; eliminare le informazioni che non dovrebbero cadere nelle mani sbagliate, in particolare disabilitando la modalità di riempimento automatico; cercare di controllare i diritti di accesso degli utenti sul dispositivo e – ancor più importante – usare programmi che forniscano una protezione dalle minacce informatiche”, ha commentato Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia.

Comments

comments