La Provincia Autonoma di Trento presenta RoboCup Junior

0
556
Galilei, Tambosi, ITT Marconi, ITET G.Floriani, Rosmini (Rovereto), Pozzo, Da Vinci, Degasperi (Borgo Valsugana), IC Trento 3 e 7, IC Rovereto Nord, questi sono i nomi degli istituti trentini che insieme ad altre 2 scuole altoatesine, l’IISS Galilei e il Liceo Pascoli di Bolzano e a tante altre squadre italiane provenienti da Abruzzo, Calabria, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto, Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta, gareggeranno per aggiudicarsi il titolo di campione, nella decima edizione della RoboCup Junior. All’evento, organizzato dalla rete del Trentino Alto Adige denominata S.T.A.A.R.R in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento, parteciperanno 180 i team provenienti dalle diverse regioni italiane e circa un migliaio gli studenti e i docenti presenti alle gare in programma fra il Polo Espositivo Trento Expo e l’Aula Magna dell’Arcivescovile dall’11 al 14 aprile.

Dopo la First Lego League arriva in Trentino un’altra finale nazionale nel campo della robotica, la RoboCup Junior, a testimonianza dell’importanza che la robotica educativa ricopre nei programmi delle scuole trentine, come evidenziano anche gli ottimi risultati ottenuti negli ultimi anni dagli studenti trentini in competizioni nazionali e internazionali. L’obiettivo è quello di far diventare i ragazzi protagonisti attivi, avvicinandoli in modo efficace ed efficiente alla robotica e al pensiero computazionale.
L’organizzazione della sfida quest’anno, è stata affidata alla rete del Trentino Alto Adige denominata S.T.A.A.R.R (Scuole Trentino Alto Adige Associate in Rete per la Robotica e le nuove tecnologie). Si occuperà di un’iniziativa scientifica che pone le sue origine nel 1997, data del primo campionato mondiale di robot intelligenti in  Giappone, nato con lo scopo di migliorare lo stato dell’arte dei robot e delle loro capacità. L’organizzazione mondiale RoboCup, riservata in origine alle solo università, ha  proposto negli ultimi anni anche un campionato indirizzato a studenti con meno di 19 anni che prende il nome di RoboCup Junior, la scorsa edizione, svoltas a Nagoya, ha visto la partecipazione del Liceo scientifico Galilei e dell’istituto Tecnico Economico Tambosi giunti al quinto posto.
Tutte le gare sono aperte al pubblico, inoltre sono tanti gli eventi in programma in questi quattro giorni di competizione: l’inaugurazione ufficiale è fissata per mercoledì 11 aprile alle 17.30, giovedì 12 spazio a tre incontri con ricercatori di Fbk e Università di Trento per parlare di videosorveglianza, interazioni con i computers e satelliti artificiali, ma anche a un worskshop organizzato dal professor Luca Iocchi dell’Università La Sapienza di Roma in collaborazione con il professor Alberto Montresor dell’Università di Trento, che ha l’obiettivo di raccogliere e raccontare le esperienze di università, scuole e aziende nell’ambito della robotica. Venerdì poi un evento di orientamento dedicato a contrastare la disoccupazione giovanile, infine sabato 14 aprile alle 12.30 la premiazione delle squadre vincenti e la cerimonia di chiusura.