SAMANTHA CRISTOFORETTI, PRIMA DONNA ITALIANA E TRENTINA NELLO SPAZIO

0
27

Alle 22.01 di Domenica 23 novembre la navetta e il razzo russi Soyuz prenderanno il volo verso le stelle, portando con sé la prima donna italiana nello spazio. Samantha Cristoforetti è infatti la prima astronauta in Italia, e anche l’unica attualmente in Europa, che compone la nuova generazione di astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa).

Samantha nasce a Milano il 26 Aprile del 1977, originaria di Malè (TN) frequenta il liceo scientifico a Trento e si laurea in ingegneria meccanica all’Università tecnica di Monaco (Germania). Nel 2001 venne ammessa all’Accademia Aeronautica di Pozzuoli e nel maggio del 2009 viene selezionata come astronauta dall’Esa risultando tra le sei migliori di una selezione a cui avevano partecipato 8500 cadidati.

La missione “Futura” a cui prenderà parte rientra nell’accordo bilaterale Asi-Nasa del 1997 per la fornitura di tre moduli pressurizzati abitativi. Per l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) è la seconda missione di lunga durata, la prima infatti era stata “Volare” nel 2013, con a bordo Luca Parmitano. Il ritorno sul pianeta Terra è previsto fra sei mesi durante i quali Samantha, insieme al russo Anton Shkaplerov e all’americano Terry W. Virts, condurrà 200 esperimenti sulla Stazione Spaziale tra cui una stampante 3D per futuri “pezzi di ricambio spaziali” e un angolo bar tra le stelle che permetterà la studio dei fluidi.

Se tutto andrà per il meglio, la Soyuz volerà per sei ore in orbita attorno alla Terra e infine attraccherà alla Stazione Spaziale. Per l’intero viaggio la nostra astronauta occuperà il sedile di sinistra, posto riservato all’ingegnere di bordo e co-pilota, mentre al centro vi sarà il comandante russo e a destra l’ingegnere di bordo americano.

In questi giorni sono previsti gli ultimi controlli e, come da tradizione, la navicella ha raggiunto la piattaforma di lancio dopo aver lasciato l’edificio di integrazione allo stesso orario in cui nel 1957 lo lasciò lo Sputnik, il primo satellite nella storia. Samantha con i suoi compagni ha preso parte anche ad un altro rito, piantando il proprio albero nel “giardino dei cosmonauti” ma allo stesso tempo sconvolgendo la tradizione: la Cristoforetti ha infatti scelto un conto alla rovescia musicale per scandire più dolcemente l’avvicinamento alla realizzazione del suo sogno d’infanzia. cristoforetti cristoforetti

Sara Peruffo

Comments

comments