Il risultato in Trentino Alto Adige per Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale è stato dell’ 1,84% . La segreteria provinciale trentina, che è stata protagonista, a discapito di quella altoatesina, di un forte successo a livello di consensi, ha a riguardo affermato che:

“Fratelli d’Italia/Alleanza Nazionale è nata per ridare una casa alla destra italiana e, per questo motivo, il lavoro di costruzione dalle fondamenta è in atto e non si fermerà per una mezza battuta d’arresto che, a conti fatti, tale proprio non è. Un partito che conta 9 parlamentari e qualche amministratore locale ha quasi raddoppiato in un anno i suoi consensi e si è piazzato poco dietro realtà che vantano esponenti governativi, presidenti di regioni e ben altre entrature.”

Per quanto riguarda il territorio provinciale è stato sottolineato come “La destra si è rimessa in cammino anche in Trentino con risultati che consideriamo più che incoraggianti analizzata la crescita da ottobre ad oggi. Una campagna elettorale condotta in strada, iniziando a guadagnare la fiducia che ai nostri valori deve essere data ma che come gruppo stiamo guadagnando con il lavoro e la presenza. Valori di sempre e molte facce nuove, come quella del nostro candidato Manfred de Eccher che ha raccolto un risultato personale di cui siamo particolarmente orgogliosi, avendo superato le 1600 preferenze personali.”

Quelle 1600 preferenze lasciano l’amaro in bocca. Se in Trentino, terra rinomata per non essere mai stata un feudo elettorale di Destra, il partito guidato da Giorgia Meloni si è fermato al 2,26%; non è lo stesso per l’Alto Adige che si è attestato all’1,37%. Il dato altoatesino, ben lontano da quello che otteneva nel passato Alleanza Nazionale e il Movimento Sociale Italiano, presenta anche una assenza di voti a favore del candidato locale, Manfred de Eccher che è stato solamente votato da 78 persone. Curioso pensare che Walter Ferrazza, candidato per Forza Italia, è arrivato secondo come preferenze in Alto Adige e non terzo come il giovane candidato di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale.

La dirigenza trentina, nell’ultimo giorno di campagna elettorale, si apprestava a iniziative di piazza nel capoluogo; quella bolzanina preferiva puntare tutto su una marcia presso il Brennero a issare bandiere italiane. Forse si aspettava la vittoria proprio dove finisce la terra italica e inizia quella tedesca, peccato che però sono arrivati solo 20 voti.

Onore delle Armi comunque a Manfred de Eccher che nel giro di un mese ha dimostrato ottime capacità politiche ed è riuscito a portare a casa un risultato che poteva essere inferiore.

Michele Soliani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.