Ugo Rossi (PATT): “Il centrosinistra non mi vuole candidato Presidente? Auguri!”

Oggi durante la riunione del Consiglio Provinciale, il Presidente Ugo Rossi ha voluto, attraverso un lungo discorso, esprimere la sua opinione circa il suo operato e la situazione futura della Provincia di Trento.

Rossi durante il suo intervento ha toccato diversi punti, primo su tutti ha voluto ringraziare l’opposizione dichiarando come il loro rapporto sia stato spesso duro ma sempre leale e diretto all’interesse dei cittadini.

Proseguendo il Presidente si è rivolto alla maggioranza dichiarando: “Il secondo ringraziamento va alla maggioranza che in questi 5 anni è stata mediaticamente molto variegata. La produzione di distinguo, infatti, è stata superiore alla norma ed anche al passato. In realtà, la compattezza e la coerenza nel portare avanti il programma sono state molto solide sia in questa aula che nelle singole decisioni che sono state prese. Basta guardare il numero di provvedimenti assunti, la qualità delle competenze che abbiamo ottenuto in questa Legislatura e soprattutto gli indicatori socio-economici che tutti hanno più volte ricordato e rivendicato, che sicuramente fotografano un Trentino migliore rispetto a come lo avevamo conosciuto ed ereditato 5 anni fa. Il Trentino di 5 anni fa era pienamente dentro ad una crisi devastante. Oggi non lo è più, è un Trentino che questa maggioranza consegna ai cittadini con degli indicatori migliori, come da più parti riconosciuto.”

Sempre rivolgendosi alla “sua” maggioranza Rossi ha aggiunto: (…) “Non sappiamo chi verrà dopo di noi. Di sicuro sappiamo una cosa: non sarà il centro sinistra autonomista che ha ben governato in questa Legislatura. Non lo sarà non per scelta degli elettori, ma perché alcune maggioranze assembleari di due partiti – una piuttosto risicata – lo hanno demolito dentro le stesse assemblee. Ne hanno decretato la fine per cambiare. Nessun cambiamento programmatico s’intende, almeno non percepito fino ad ora. Lo hanno demolito per cambiarne il presidente senza nemmeno averne pronto un altro. Non lo sarà, perché alcuni esponenti di questo centro sinistra autonomista, che pure continuano a sedere nei banchi dove sono stati mandati dagli elettori in qualità di esponenti del centrosinistra autonomista – imitati da chi non è stato eletto ma nominato – non hanno voluto che potessero essere i cittadini trentini, in quanto cittadini, a giudicare se avessimo o meno governato bene, non permettendo quindi ai trentini di scegliere se confermare o cambiare sulla base di quel giudizio. (…) Un fulgido esempio di trasformismo e di vecchia politica, degni della Prima Repubblica di italiana memoria”. 

Ugo Rossi ha poi voluto augurare a Trento e ai Trentini che la stagione del cambiamento che tutti si auspicano avvenga per davvero. Invitando i futuri candidati a muoversi sempre per il bene dei trentini.

Rossi ha poi concluso dichiarando: “Auguro a tutti questi di anteporre tali valori ad ogni impostazione ideologica e culturale, ad ogni calcolo o convenienza elettorale. In questo senso posso quindi chiudere usando, rivolgendola a tutti, la parola AUGURI!”