Wind lancia app per proteggere i ragazzi dai pericoli del web

l’applicazione permette al genitore di bloccare e filtrare contenuti indesiderati, di sospendere da remoto la navigazione e di monitorare in tempo reale la posizione dei propri figli con avvisi di movimento

Wind lancia l’innovativa App WIND FAMILY PROTECT, una soluzione semplice ed efficace che risponde all’esigenza dei genitori di proteggere i propri ragazzi dai pericoli di Internet e di guidarli verso un corretto uso del digitale. Realizzata in collaborazione con AVAST, società leader nel settore della sicurezza digitale, l’applicazione permette al genitore di bloccare e filtrare contenuti indesiderati, di sospendere da remoto la navigazione e di monitorare in tempo reale la posizione dei propri figli con avvisi di movimento. Un unico account consente di proteggere fino a dieci dispositivi, tra smartphone e tablet.

WIND FAMILY PROTECT è disponibile per famiglie con ragazzi ‘under 14’. L’App è inclusa nella nuova offerta ‘All Inclusive Junior’, che prevede 30 Giga, chiamate illimitate verso i numeri Wind, 100 minuti e 100 SMS, al costo di 6,99 euro al mese. Inoltre, al brand d’offerta Wind Family, si aggiunge ‘Wind Family Member Junior’, con 5 Giga e 500 minuti a 4,99 euro al mese e l’App WIND FAMILY PROTECT inclusa. Per i già clienti, è possibile anche associare l’App alla propria offerta al costo mensile di un euro. 

I genitori che, in occasione del Natale, desiderano acquistare uno smartphone per i propri figli possono abbinare alle offerte ‘All Inclusive Junior’ e ‘Wind Family Member Junior’ lo ZTE Blade A530, con rata mensile e anticipo pari a zero euro. ‘All Inclusive Junior’ consente, infine, anche di scegliere il Samsung Galaxy J6, con rata a zero euro e anticipo di 39,90 euro.

Per Tommaso Vitali, Direttore B2C Marketing di Wind Tre: “Quando si parla di sicurezza, nulla deve essere lasciato al caso. WIND FAMILY PROTECT è il miglior mix tra esigenze di comunicazione e sicurezza e contribuisce a collocare Wind come brand ancora più vicino alle famiglie, in grado di soddisfare i reali bisogni dei genitori che cercano la prima offerta e il primo smartphone per i propri figli, al riparo dai rischi di Internet”.