Attualità

Visita di Salvini a Rovereto: “Europa delle sanzioni ha dovere di aiutare gli italiani a pagare le bollette di luce e gas”

Si è tenuto nella giornata odierna, a Rovereto in Piazza Urban Center, il punto stampa del leader della Lega, Matteo Salvini, intervenuto per parlare alla popolazione roveretana in vista delle elezioni politiche che si terranno il prossimo 25 settembre.

Si è tenuto nella giornata odierna, a Rovereto in Piazza Urban Center, il punto stampa del leader della Lega, Matteo Salvini, intervenuto per parlare alla popolazione roveretana in vista delle elezioni politiche che si terranno il prossimo 25 settembre.

Matteo Salvini, dopo aver salutato i presenti ha ricordato come la Lega sia il baluardo dell’autonomia e come la stessa non sia in discussione. Successivamente, ha specificato come uno delle problematiche odierne sia il caro bollette, affermando: “Perchè sono arrabbiato, perchè tutta Europa sta intervenendo sulle bollette: il governo francese è intervenuto per bloccare le bollette, il governo tedesco è intervenuto per bloccare le bollette, Spagna, Portogallo, Grecia, Croazia, Romania. Tutti stanno intervenendo per bloccare le bollette di luce e gas. (…) Intervenire oggi sulle bollette della luce e del gas è fondamentale. L’Europa sei mesi fa ha imposto le sanzioni contro la Russia per fermare la guerra? Si. Le sanzioni contro la Russia stanno fermando la guerra? No. Vogliamo andare avanti con le sanzioni? Andiamo avanti con le sanzioni, però l’Europa che impone le sanzioni che, invece che danneggiare i russi che hanno scatenato la guerra stanno mettendo in difficoltà milioni di italiani. L’Europa delle sanzioni ha il dovere di aiutare gli italiani a pagare le bollette della luce e del gas.”

Un gruppo di sostenitori ieri a Riva del Garda al comizio di Salvini

Proseguendo nel suo intervento, il leader della Lega ha evidenziato come il centrodestra, attualmente, sia in vantaggio in tutta Italia, ribadendo come l’impegno del partito e della coalizione sia quello di aiutare la popolazione in difficoltà attraverso una molteplicità di interventi diretti e mirati.

In un altro passo del suo intervento, Matteo Salvini, ha ringraziato il Trentino per essere stata una delle Regioni che, nel periodo difficile della pandemia, ha più permesso ai suoi studenti di andare a scuola in presenza. Parlando anche di come sia importante togliere il numero chiuso e i test d’ingresso dalle facoltà universitarie medico-sanitarie data la carenza di personale medico.

Dopo aver toccato anche il tema della agricoltura, ribadendo come il settore sia importante per l’economia italiana, Matteo Salvini ha affermato come la Lega abbia molto a cuore il tema della sicurezza e come il paese debba ripartire dalla scuola, dall’educazione civica, dallo sport così da evitare i fenomeni legati alla criminalità giovanile.

“Il Trentino è una terra straordinaria, è la mia seconda patria, io ci vengo da quando ho un anno e spero di venirci per tutta la vita. (…) ha affermato il leader leghista che, dopo aver intrattenuto i suoi sostenitori con qualche battuta, ha concluso: “Io vorrei un paese, non dei miracoli, ma con un po’ di lavoro in più, un po’ di sicurezza in più, un po’ di figli in più e un po’ di tempo libero in più per goderci la vita che è il dono più bello del mondo. Viva Rovereto, viva il Trentino e viva la Lega. Grazie a tutti e andiamo a vincere”.

Carlo Alberto Ribaudo

Secolo Trentino