L'ansia da regalo e le idee alternative per provvedervi

Le giornate passano quasi per tutti sempre molto velocemente e senza accorgercene ci ritroviamo catapultati nei giorni delle festività natalizie: come potrebbe essere lo stress del lavoro nella quotidianità, è ora l’ansia per i regali a sopraffarci.

Ci sentiamo infatti costretti ad adempiere a questo “dovere sociale”, talvolta controvoglia, con la paura dei pregiudizi, di regalare qualcosa che non piaccia o addirittura di dover provvedere all’ultimo momento ad un regalo di cui non avevamo tenuto conto. Di pari passo, siamo sotto pressione per trovare il regalo perfetto per le persone a cui teniamo particolarmente.

Come se ciò non bastasse, spesso per fare regali apprezzabili sembra necessario spendere molto, o comunque troppo rispetto a quello che vorremmo: secondo un sondaggio di Groupon, il 71% della popolazione vorrebbe trovare sotto l’albero un voucher contenente un’esperienza, magari un viaggio o una giornata di relax alla spa. Il 74% dei Millennial preferirebbe invece una vacanza piuttosto che un regalo materiale. Ad attrarre poi sono i prodotti tecnologici, in particolar modo quelli legati al mondo della telefonia.

Ed ecco perché spendere tanto sembra allora inevitabile. Tuttavia esistono delle idee alternative che potrebbero tornarci utili, garantendoci una spesa contenuta ma anche gradimento da parte del prossimo.

Potremmo innanzitutto acquistare articoli da associazioni benefiche, come Telethon, cosicché da un lato possiamo scegliere tra un’ampia gamma di oggetti e dall’altro far del bene aiutando la ricerca; nel caso avessimo ricevuto regali doppi o particolarmente indesiderati potremmo invece riciclarli, divertirci nel modificarli e trarne un qualcosa di nuovo che possa piacere ad un altro; potrebbe essere carino anche un regalo manuale, che sia una lettera, una nostra creazione artistica o ancora una buona azione; è anche possibile ricorrere ad uno scambio di libri, regalare una lettura a cui teniamo particolarmente se abbiamo un familiare o un amico che apprezza questo genere di gesti.

Abbiamo visto allora che le idee per strappare il sorriso a una persona ci sono, non devono essere chi sa quanto costose, ma soprattutto non dobbiamo vivere l’attesa del Natale sotto pressione, dal momento in cui dovrebbe esserci un’atmosfera calda e piacevole che ci permetta di staccare dal quotidiano in totale serenità.

Il consiglio finale resta comunque quello di non lasciarci mettere a disagio dai pregiudizi, ma di regalare un pensiero alle persone più strette a cui teniamo veramente, perché quando si conosce bene una persona e si è particolarmente legati, viene spontaneo pensare a cosa possa piacerle. Ma soprattutto quest’ultima apprezzerà a prescindere il vostro gesto e non lo misurerà sicuramente secondo il parametro del portafogli. J�